Tuttosport.com

Calcio pirata, De Siervo: “Perdita da oltre un miliardo di euro”
© Getty Images for Lega Serie A
0

Calcio pirata, De Siervo: “Perdita da oltre un miliardo di euro”

L’ad della Lega Serie A: “Questo è un reato, tra qualche settimana i responsabili inizieranno a pagare. Le sanzioni arriveranno fino a 5000 euro”

martedì 1 ottobre 2019

"La Tv pirata? La perdita è stata di oltre un miliardo di euro, che i cittadini, in questo modo, forniscono alla criminalità organizzata. Invito tutti a capire che questa non è una furbata, ma è un reato". Così Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, intervenuto a Radio CRC. "Se il San Paolo è in queste condizioni, è perché De Laurentiis ha una squadra con un costo, ma se ci fossero fondi a sufficienza da parte dei tifosi, tutto andrebbe per il meglio. Così facendo - spiega - si sottraggono fondi agli imprenditori al fine di rendere migliori anche le attrezzature utilizzate, e non solo diminuire la probabilità che si acquisti un grande giocatore".

De Siervo sul calcio pirata

"Tra qualche settimana verranno fuori le prime persone responsabili, che inizieranno a pagare. Ciascun collegamento internet lascia una scia indelebile all'interno dei server, così da garantire l'individuazione alla polizia postale", prosegue De Siervo. "Se i comportamenti dovessero continuare, i cittadini verranno multati - ammonisce De Siervo - le multe oscilleranno tra i 2500 e i 5000 euro. La strategia presuppone un attacco su più fronti nei confronti dei criminali. E' una battaglia legale che procede da mesi". "Chiedo ai tifosi di pagare regolarmente l'abbonamento, perché quei soldi andranno alla squadra, affinché vengano investiti nel migliore dei modi. Per poter abbassare il prezzi del calcio in tv - ribadisce l'ad della Lega - dobbiamo avere molti abbonamenti in più. Se il sistema non trova fondi, è impossibile. In soli due anni, 5-6 squadre di serie A falliranno, se queste furbate continueranno a proliferare. Ad oggi, se si vuole competere con le altre squadre internazionali, bisogna stare alle regole di mercato".

Caricamento...