Materazzi: "Per la Juve Perugia è come per l'Inter il 5 maggio"

L'ex difensore, che nel 2000 giocava per il Grifo, ricorda quella partita che costò lo scudetto ai bianconeri e lo consegnò alla Lazio

Materazzi: "Per la Juve Perugia è come per l'Inter il 5 maggio"

Durante la diretta Instagram con Damiano "Er Faina", Marco Materazzi ha ricordato la partita di Perugia nel 2000 che costò lo scudetto alla Juventus e lo consegnò alla Lazio. Protagonista di quella sfida fu Alessandro Calori, che segnò il gol decisivo, quello dell'1-0, sotto un diluvio universale. Materazzi giocava nel Perugia: "Calori era un professionista molto serio. Di quella partita ricordo che faceva freddo, pioveva, la prima mezzora la Juve doveva fare quattro gol ma non l’ha fatti. La realtà è questa, quando c’era il sole ancora ci avevano preso a pallonate. Poi l’unico calcio d’angolo del secondo tempo, dove erano sei contro uno, si sono fatti gol da soli. Poi la partita è andata come è andata, noi abbiamo fatto solo la nostra parte come è giusto che sia. Come il 5 maggio? Come storia è stata molto simile" ha raccontato.

Materazzi: "Perugia per la Juve è un po' il 5 maggio dell'Inter"
Guarda il video
Materazzi: "Perugia per la Juve è un po' il 5 maggio dell'Inter"

Materazzi: "Da bambino tifavo Lazio"
Guarda il video
Materazzi: "Da bambino tifavo Lazio"

Materazzi: "Ibrahimovic mi porta rancore"

"Il mio rapporto con Ibrahimovic? Non c'è. All'inizio ce l'avevo, quando è arrivato eravamo due zingari, poi qualcosa è cambiato per essere così rancoroso, come ha detto di essere stato. Ma non è un problema". Parla così Marco Materazzi in diretta su Instagran con Damiano "Er Faina", raccontando del rancore dello svedese nei suoi confronti. "In realtà non abbiamo mai avito nessun tipo di problema, l'ho anche incontrato una volta, lui era tranquillo ed io anche. Poi ci sta che se lui mi stuzzica... Siamo due caratteri forti, ad averceli come lui in squadra. Come giocatore è un fenomeno, non ai livelli di quelli che tutti sappiamo, senza che si offenda. Anche se lui si sente Dio. Tolti i primi due c'è lui, c'era Totti, Neymar, Henry, tutta gente che ha fatto la storia del calcio. Ibra o Totti? A me sta simpatico Francesco, ho condiviso qualcosa di importante con lui. Chi prenderei? Dipende se voglio vincere il Mondiale o il campionato".

Materazzi: "Totti o Ibra? Dico Francesco..."
Guarda il video
Materazzi: "Totti o Ibra? Dico Francesco..."

Materazzi su Ibra: "Non capisco il suo rancore verso me"
Guarda il video
Materazzi su Ibra: "Non capisco il suo rancore verso me"

Materazzi e Benitez: "Poco legame con lui? Dopo 6 mesi non c’era più"
Guarda il video
Materazzi e Benitez: "Poco legame con lui? Dopo 6 mesi non c’era più"

Serie A, i migliori video

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...