Tuttosport.com

Zampa: "Stadi riaperti? Il Governo non ha preclusioni"

0

La sottosegretaria alla Salute: "Consulteremo il Cts e aspettiamo i dati, ma la decisione sarà politica"  

Zampa:
© canoniero
lunedì 1 giugno 2020

ROMA - "Le cose stanno andando molto meglio, con i dati che confermano una grossa frenata anche per quanto riguarda l'aggressività del virus, che sembra meno pericoloso. Sono anche calati i numeri, ma non dobbiamo abbassare la guardia perchè il virus c'è ancora". Così Sandra Zampa, sottosegretaria del Ministero della Salute, è interventuta a Radio Punto Nuovo. "L'italia sta aprendo alla normalità con parecchi casi al giorno, rispetto ai 5-6 di Wuhan, circa 350 in Lombardia, per questo bisogna restare sempre attenti e vigili. La nuova normalità vuol dire convivere con il virus rispettando le norme d'igiene ed evitando assembramenti. L'euforia dell'apertura può portare a dimenticare che nessuno è immune e si può essere comunque contagiosi per gli altri". 

"La riapertura degli stadi dipenderà dai dati"

Gli stadi riaperti dipenderanno "dai dati, non c'è mai stata nessuna preclusione. Eravamo preoccupati per la ripresa, ma alla fine è arrivata. Quindi aspettiamo i dati e vediamo se la gente potrà tornare negli stadi con norme di sicurezza assolute, anche se per ora il tema non è stato preso in considerazione - ha spiegato Zampa -. Il Cts deve occuparsi di un mare di situazioni, sono chiamati ad un lavoro enorme, ma l'Italia ha lavorato bene e si è rivelata un modello per gli altri Paesi europei. Lasciamo un velo di speranza per la riapertura degli stadi, mi farò portavoce di questo quesito". "Il Paese ha bisogno di speranza, non solo il Ministro (ride, ndr). Riaprire musei e arene? I turisti torneranno, ne sono convinta, ma nel frattempo il turismo sarà in casa nostra. Se avessimo fatto errori riaprendo e chiudendo avremmo perso di credibilità. Ma abbiamo dimostrato di essere un Paese affidabile" ha concluso.

Coronavirus Serie A

Caricamento...