Parma-Inter 1-2: doppietta di Sanchez, Conte è in fuga

Handanovic decisivo su Kurtic nel primo tempo, il cileno sale in cattedra nella ripresa. A D'Aversa non basta la rete di Hernani

Parma-Inter 1-2: doppietta di Sanchez, Conte è in fuga© Getty Images

PARMA - L'Inter approfitta del mezzo passo falso del Milan ed allunga: il 2-1 ottenuto al Tardini contro il Parma, arrivato grazie alla doppietta di Alexis Sanchez, permette infatti ad Antonio Conte di portarsi a +6 sui rossoneri, primi tra le inseguitrici, e rimettere la Juve a -10 (che ha però una gara in meno). I nerazzurri appaiono sottotono nella prima mezz'ora e Handanovic è decisivo su Kurtic, mentre nel finale del primo tempo sale in cattedra Hakimi, ma Eriksen, Skriniar, Perisic e Lukaku peccano di precisione da posizioni favorevoli. L'avvio sprint nella ripresa porta all'uno-due del cileno ex Udinese, Barcellona ed Arsenal, mentre il sigillo di Hernani serve solo a rendere più avvincenti gli ultimi venti minuti di gioco.

Sanchez stende il Parma con una doppietta: l'Inter scappa
Guarda la gallery
Sanchez stende il Parma con una doppietta: l'Inter scappa

Parma-Inter, le scelte di D'Aversa e Conte

D'Aversa recupera Bani, Brugman, Inglese e Pellè (soltanto i primi due lanciati dal 1'), niente da fare per Gervinho, Conti, Cornelius, Sprocati, Nicolussi Caviglia e Zirkzee. A caccia di fondamentali punti salvezza, quando il distacco dal Cagliari quart'ultimo è di sei punti, i ducali scendono in campo con Sepe tra i pali ed una rimaneggiata difesa a 4 composta, da destra verso sinistra, da Osorio, il rientrante classe ’93 acquistato l’ultimo giorno di mercato dal Genoa, Valenti e Gagliolo. L'uruguayano in cabina di regia, affiancato da Hernani e Kurtic, mentre Kucka agisce alle spalle dell'ex Karamoh e Man. Conte annusa profumo di fuga dopo il pari del Milan con l'Udinese e non pensa all'Atalanta: niente turnover, in casa Inter ci sono tutti e 4 i diffidati di lusso (Bastoni, Barella, Brozovic e Lukaku). C'è Handanovic tra i pali, la linea a tre nel pacchetto arretrato è completata da Skriniar e De Vrij, Hakimi rientra dalla squalifica e torna in possesso della fascia destra, con Perisic su quella opposta, mentre Eriksen chiude il quadro in mediana. Davanti, accanto al bomber belga, spazio a Sanchez in luogo di Lautaro Martinez.

Handanovic decisivo, Lukaku spreca: al 45' è 0-0 tra Parma ed Inter

Due minuti scarsi e una percussione di Hakimi costringe Sepe ad una smanacciata per evitare guai ben più seri, con Lukaku, al centro, che già pregustava un facile tap-in. Messo da parte lo spavento, il Parma si riversa nella metà campo nerazzurra e al 6' sono veementi le proteste per un contatto in area tra Man e Barella, con il Var che non rileva irregolarità. L'Inter prova a sfondare sugli esterni, e Valenti è chiamato agli straordinari, i ducali dal canto loro fanno densità in mezzo al campo e si affidano alle veloci ripartenze di Karamoh. Un giro di lancetta dopo il commosso ricordo di Astori, al 13', è miracolosa la risposta a mano aperta di Handanovic sul colpo di testa di Kurtic, lasciato colpevolmente solo da Skriniar sullo splendido cross di Osorio. Lukaku guida l'immediata reazione meneghina, ma il suo tiro dal limite termina in curva. Il match vive un momento di flessione, almeno a livello di occasioni degne di nota, poi si accende Hakimi, dai cui piedi nasce una grossa chance sciupata da Eriksen, con l'azione che prosegue e Skriniar e Perisic che vengono murati dalla difesa emiliana. Quindi, al 38', è il bomber belga ad esaltare i riflessi di Sepe con un diagonale destro respinto coi piedi. L'Inter accelera nel finale del primo tempo: l'esterno marocchino offre una golosa opportunità a Brozovic, ma il regista croato svirgola all'altezza del dischetto di rigore, mentre Lukaku non inquadra la porta con una zuccata da due passi. I padroni di casa si rivedono soltanto nel recupero, quando Man spizza il cross di Kurtic, col pallone che accarezza il palo alla sinistra di Handanovic.

Doppietta di Sanchez, poi Hernani: l'Inter batte il Parma 2-1

Man dà forfait per un colpo alla testa che l'ha costretto a stringere i denti nel finale della prima frazione, al rientro in campo c'è Mihaila al suo posto. Il Parma non sembra avere le stesse energie sfoggiate nei 45' precedenti, l'Inter è aggressiva e si piazza in pianta stabile dalle parti di Sepe. Una giocata di Brozovic mette in moto Lukaku, il contrasto che ne segue favorisce Sanchez che, di mancino, vanifica la smanacciata di Sepe ed il disperato tentativo di salvataggio di Gagliolo (55'). Al 56', poi, Perisic si divora il 2-0, peccando di egoismo e calciando in porta anziché servire al centro il belga ex United, ma l'appuntamento col raddoppio è rimandato di soli sei minuti: Lukaku è protagonista di uno strepitoso coast to coast, poi regala a Sanchez un gioiello da spingere soltanto in rete. Il possente bomber nerazzurro ha quindi una buona chance di testa al 63', ma non trova lo specchio e schiaccia sul fondo. D'Aversa vede i suoi in difficoltà e si gioca un triplo cambio (Inglese, Busi e Pezzella per Kucka, Valenti e Gagliolo), mentre Conte risponde con Vidal al posto di Eriksen. Il doppio vantaggio sembra inibire la "garra" interista e se il neoentrato ex Juve rimedia ad un errore di Skriniar, nulla può sul cross di Pezzella, dal quale nasce l'1-2 di Hernani, abile a calciare di piatto destro al volo (71'). Conte getta nella mischia Lautaro Martinez al posto di Sanchez, mentre Mihaila ci prova di testa, senza riuscire ad impensierire Handanovic. L'ex Darmian per Perisic da una parte, esordio di Pellè dall'altra, mentre all'84' Lukaku calcia centrale dal limite. Sono gli ultimi episodi di un match che parla chiaro: l'Inter è in fuga.

Serie A, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...