Fiorentina-Atalanta 2-3: la Dea non molla la zona Champions

Alla doppietta del nerazzurro Zapata risponde quella di Vlahovic, ma alla fine la squadra di Gasperini passa con un rigore di Ilicic e resta quarta in attesa dello scontro diretto con la Juve

Fiorentina-Atalanta 2-3: la Dea non molla la zona Champions© LAPRESSE

FIRENZE - Quarta vittoria di fila, un poker da Champions per l'Atalanta che passa sul campo della Fiorentina (2-3) e risponde alle vittorie delle rivali, tenendosi così stretto il quarto posto a +2 sul Napoli e a ridosso di Juve e Milan (lontane rispettivamente uno e due punti). Un successo pesantissimo per la Dea, arrivato col brivido dopo aver dominato per un'ora: alla doppietta di Zapata (in gol al 13' e al 40') ha infatti riposto per le 'rime' Vlahovic, capace di riacciuffare i nerazzurri in nove minuti (al 57' e al 66' le sue reti) prima del rigore decisivo segnato al 70' dal neo entrato Ilicic dopo un tocco col braccio in area di Martinez Quarta. Dopo il pari in casa del Genoa arriva così il primo ko per Iachini dal suo ritorno al posto del dimissionario Prandelli, con la Viola che resta comunque a +8 sulla zona retrocessione.

Fiorentina-Atalanta 2-3: tabellino e statistiche

Le mosse dei tecnici

Privo dell'infortunato Hateboer e senza Pessina, positivo al Covid dopo il rientro dagli impegni con la Nazionale, Gasperini vara la difesa a quattro con Toloi (preferito a Maehle) e Gosens terzini, mentre in mediana c'è la coppia De Roon-Freuler con Malinovski, Pasalic e Muriel a sostesgno di Zapata e Ilicic che inizia in panchina. Quattro le assenze invece per la Viola, che deve fare a meno degli squalificati Ribery e Pulgar mentre restano in infermeria Igor e Kokorin: nel 3-5-2 di Iachini tocca così a Kouamé a fare da spalla a Vlahovic in attacco e ad Amrbat accomodarsi in cabina di regia con Bonaventura e Castrovilli ai suoi lati, mentre Caceres e Biraghi sono gli esterni.

Zapata e Ilicic stendono la Fiorentina: è un'Atalanta da Champions
Guarda la gallery
Zapata e Ilicic stendono la Fiorentina: è un'Atalanta da Champions

Zapata bum-bum

L'Atalanta è subito aggressiva e per passare impiega poco più di dieci minuti: angolo e cross 'pennellato' da Malinovsky per Zapata, che si libera di Bonaventura e con la testa insacca. La Fiorentina accusa il colpo e i nerazzurri provano ad approfittarne, cercando l'immediato colpo del ko, ma Dragowski è attento su Gosens (ancora di testa su azione da corner) e si supera poi su un destro al volo dell'incontenibile Zapata (20'). Poco dopo dura entrata di Romero su Vlahovic con i viola che protestano invano per il colore del cartellino estratto dall'arbitro (giallo per il difensore, che era diffidato e salterà la prossima sfida casalinga contro la Juve). La reazione dei padroni di casa è tutta in un colpo di testa di Caceres, che su punizione calciata da Biraghi sovrasta Romero ma non inquadra la porta, non abbastanza per impensirire una Dea in pieno controllo con Pasalic che costringe all'ammonizione Pezzella. Serve così ancora un super Dragowski per fermare Zapata alla mezz'ora su un preciso 'filtrante' proprio di Pasalic, ma il portiere non può fare nulla al 40': colpo sotto e assist al bacio dell'ispiratissimo Malinovsky, stop dell'attaccante colombiano che a due passi dalla porta raddoppia (il Var conferma poi la posizione regolare). 

Serie A, la classifica

Vlahovic, doppietta d'orgoglio

Avanti di due reti Gasperini non vuole correre rischi e inizia la ripresa con Djimsiti al posto dell'ammonito Romero, mentre Zapata cerca subito il blitz nell'aria viola con Pasalic che a porta spalancata non arriva però di un soffio sul cross del gigante nerazzurro. La Fiorentina sembra disarmata di fronte alla superiorità dei bergamashi e anche Amrabat finisce nella 'lista dei cattivi', ma a riaccendere le speranze gigliate ci pensa Vlahovic: cross di Biraghi dalla sinistra, sponda di Caceres con la testa e perfetta volée mancina del centravanti serbo che riapre il match (57') con i nerazzurri protestano invano (l'azione è partita da una rimessa laterale concessa ingiustamente ai viola). Nella Dea arriva poi il momento di Ilicic e Maehle (fuori Muriel e Malinovskyi al 64'), ma la squadra di Iachini ora ci crede al 66' pareggia: lancio per Kouame che poi con un tocco si libera di Djimsiti e serve a Vlahovic una palla da spingere solamente in rete.

Serie A, risultati e calendario

La decide Ilicic dal dischetto

Nemmeno il tempo di esultare però e la Viola torna sotto, perché Martinez Quarta tocca la palla con il braccio nella propria area e concede una possibilità che Ilicic dal dischetto non fallisce: l'ex del match calcia il rigore forte e centrale e non basta un tocco col piede di Dragowski per evitare il nuovo vantaggio atalantino (70'). Iachini allora cambia tutto il centrocampo e getta nella mischia prima Borja Valero e Eysseric (fuori Amrabat e Castrovilli) e poco dopo Callejon e Venuti (al posto di Martinez Quarta e Bonaventura), ma sono ancora Biraghi e Vlahovic a spaventare Gollini: cross del terzino e splendida girata del bomber che di testa sfiora l'incrocio (74'). Con la Fiorentina all'attacco l'Atalanta prova ad approfittare degli spazi a disposizione, ma Pasalic spreca il 'rigore in movimento' offertogli da Ilicic (82') e poi Dragowski è ancora strepitoso su Zapata (85') che nel finale lascia il posto a Miranchuk. La Fiorentina non ne ha più, l'ultima punizione di Biraghi si infrance sulla barriera e alla fine è festa per una Dea che si tiene così stretta la zona Champions, aspettando il prossimo scontro diretto casalingo con la Juve.

TS League europei

Serie A, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...