Milan-Benevento 2-0: il Diavolo si rialza e ora punta la Juve

Dopo due ko di fila il 2-0 ai campani dell'ex Pippo Inzaghi: gol di Calhanoglu e Theo Hernandez, Pioli torna momentaneamente secondo a +3 sul Napoli e sui bianconeri prossimi avversari

Milan-Benevento 2-0: il Diavolo si rialza e ora punta la Juve© LAPRESSE

MILANO - Il Milan si rialza dopo le due sconfitte di fila incassate da Sassuolo e Lazio, stende il Benevento a San Siro (2-0) e resta aggrappato alla zona Champions League, tornando momentaneamente secondo a +1 sull'Atalanta e a +3 sul Napoli e sulla Juve prossima avversaria nello scontro diretto allo Stadium. Di Calhanoglu nel primo tempo e Theo Hernandez nella ripresa le reti che hanno rilanciato il 'Diavolo' e inguaiato invece ulteriormente il grande ex Pippo Inzaghi (una sola vittoria, quella in casa della Juve, nelle ultime 18 partite), ko alla sua prima da avversario del 'Diavolo' a San Siro e terz'ultimo in classifica in attesa del prossimo 'spareggio-salvezza' contro il Cagliari.

Milan-Benevento 2-0: tabellino e statistiche

Le 'mosse' di Pioli e Pippo Inzaghi

Solo Mandzukic ai box per Pioli e la novità principale nei rossoneri è il ritorno dal primo minuto di Ibrahimovic nel 4-2-3-1 con Saelemaekers, Calhanoglu e Leao sulla trequarti; in mediana coppia centrale formata da Kessié e Bennacer mentre in difesa torna titolare capitan Romagnoli al fianco di Tomori con Hernandez e Dalot sulle fasce. Senza gli infortunati Sau, Tuia e Moncini invece Pippo Inzaghi schiera i suoi con il 4-3-2-1, con Depaoli e Barba ai lati della coppia Glik-Caldirola, con il regista Viola affiancato da Ionita e Dabo mentre davanti c'è Lapadula (preferito a Gaich) supportato da Improta e Iago Falque.

Serie A, la classifica

Subito Calhanoglu, zero tatticismi

Pronti-via e dopo appena cinque minuti il Milan è già avanti: scambio nello stretto tra Calhanoglu e Kessié, cross basso di Saelemaekers e dopo un intelligente velo dell'ivoriano è proprio Calhanoglu a inserirsi in area per chiudere l'azione col destro. Il Benevento incassa il colpo e prova subito a reagire, con Lapadula che su un lancio di Viola si infila tra i centrali rossoneri ma poi grazia Donnarumma calciando fuori con l'esterno sinistro (11'). Un campanello d'allarme per il Diavolo che cerca allora l'immediato ko con Saelemaekers che impegna Montipò, mentre sull'altro frontre Donnarumma deve rifugiarsi in corner su una conclusione dalla distanza di Ionita. Il Benevento è in partita ma concede spazi al contropiede rossonero e dopo un 'coast to coast' di Kessié servono ancora i guantoni di Montipò per chiudere la porta a Leao (16'). Zero tatticismi e squadra lunghe, con occasioni da una parte e dall'altra: per il Milan prima Leao non trova la porta di testa su cross morbido dell'ispirato Calhanoglu e poi Hernandez trova ancora pronto Montipò; sull'altro fronte Viola ci prova direttamente da corner (attento Donnarumma) e poi destro al volo di Depaoli deviato in angolo. Prima del riposo proteste del Benevento, che ha chiesto invano il secondo giallo al già ammonito Bennacer per un fallo su Dabo, poi raddoppio sfiorato due volte dal Diavolo: ripartenza con Calhanoglu e Bennacer murati dalla difesa giallorossa e infine destro di Ibrahimovic (innescato da Kessié), fermato però da un altro grande intervento di Montipò.

Milan, con Ibra torna la vittoria: Benevento ko a San Siro
Guarda la gallery
Milan, con Ibra torna la vittoria: Benevento ko a San Siro

Di Theo Hernandez il colpo del ko

Al rientro dall'intervallo c'è Tonali al posto di Bennacer nel Milan, ma a partire forte è il Benevento che in cinque minuti spaventa tre volte i rossoneri: rovesciata di Lapadula fermata col volto da Theo Hernandez, destro a giro fuori di poco di Dabo e sinitro dal limite di Iago Falque fuori di un niente. Scampato il pericolo il Diavolo si sveglia e sfiora il palo con Calhanoglu (54') mentre poco dopo Ibrahimovic danza in area ma poi calcia addosso a Montipò in uscita. Tra i giallorossi intanto c'è Roberto Insigne al posto di Iago Falque, ma ora il Milan spinge per chiuderla e al 60' raddoppia: Theo Hernandez imbuca per Ibrahimovic, Montipò respinge il tiro dello svedese ma non può nulla sul tap-in dell'esterno francese. È il colpo del ko per il Benevento, che getta nella mischia Caprari e Gaich (fuori Lapadula e Improta) ma non riesce più a impensierire davvero i rossoneri: il braccio di Ibrahimovic (respinta su una conclusione di Caprari) viene considerato attacco al corpo dall'arbitro Calvarese, Pioli gestisce il finale con i cambi (dentro anche il diffidato Castillejo che si prende il giallo e salterà la Juve) e al triplice fischio può festeggiare tre punti pesantissimi per il suo Milan ritrovato.

Serie A, risultati e calendario

TS League europei

Serie A, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...