Serie A, Udinese-Juve 1-2: Ronaldo show, doppietta decisiva

Molina sblocca al 10’ poi nella ripresa il portoghese ribalta il risultato in 6' (all'83' su rigore e all'89' con un colpo di testa). Pirlo sale a quota 69 punti e in classifica ha gli stessi punti di Atalanta e Milan

Serie A, Udinese-Juve 1-2: Ronaldo show, doppietta decisiva© Getty Images

UDINE - La classifica racconta una strana storia, il risultato della partita non è del tutto sincero, ma non è il momento in cui la Juventus e il suo popolo può permettersi di snobbare i tre punti capitali conquistati rocambolescamente a Udine. Adesso la Juventus ha gli stessi punti, 69, di Atalanta e Milan con le quali condivide il gradino sotto l'Inter. In Champions, per ora ci vanno loro, e resta fuori Napoli che ne ha 67. Domenica c'è Juventus-Milan che può diventare un crudele spareggio per conquistare la qualificazione Champions. I bianconeri ci arrivano caricati dagli ultimi dieci minuti alla Dacia Arena, nei quali Ronaldo ha segnato due gol e si è rilanciato psicofisicamente, ma anche con i dubbi che i restanti ottanta minuti hanno seminato e fatto germogliare. La Juventus di Udine è stata brutta, lenta, confusa e demotivata. La redenzione del finale vale tanto per la classifica, ma non può esimere nessuno da un'analisi severa, perché il 2-1 ottenuto con uno strappo d'orgoglio è un tappeto troppo striminzito per nascondere tutta la polvere di questa prestazione.

ERRORI - Lo sconcertante gol incassato dopo dieci minuti è la fotografia di cosa è diventata la Juventus da febbraio in poi, un'immagine spietata, ma perfettamente a fuoco. Sulla punizione battuta da De Paul sul lato sinistro juventino, ci sono sei giocatori di Pirlo in area per marcare solo Okaka, nessuno si occupa di Molina che scatta verso l'area, McKennie e Dybala stanno protestando con l'arbitro, mentre l'Udinese batte velocemente il calcio piazzato. E' una situazione imbarazzante, terribile date le circostanze nelle quali si è ficcata la squadra, in bilico fra il paradiso della Champions e l'inferno finanziario dell'Europa League. Ma la Juventus, da due mesi a questa parte, ha perso l'anima, vive di fiammate e forza d'inerzia, ma non è più una squadra, è un gruppo sfilacciato, con poche idee, nessuna delle quali chiara, tanta ansia e pensieri che distraggono.

Serie A, Udinese-Juve 1-2: tabellino e statistiche

Ronaldo, che doppietta a Udine: la Juve vince in rimonta
Guarda la gallery
Ronaldo, che doppietta a Udine: la Juve vince in rimonta

SOFFERENZA - La Juventus soffre per quasi tutta la partita, non azzecca un passaggio, non cambia mai marcia. Dybala è ancora una volta impalpabile, Bernardeschi fatica da ala, McKennie gira un po' a vuoto e pure il solito salvifico Cuadrado appare, giustamente, stanco. C'è chi si salva: De Ligt è impeccabile, Bentancur corre come un matto, ma la Juventus pasticcia tanto.

VENTENNI E REAZIONE - Poi, con dentro Kulusevski e Felix Correira (ventuno e vent'anni), la Juventus manda timidi segnali di vita. E qualcosa scatta quando Ronaldo batte una punizione che De Paul devia con il gomito in modo un po' ingenuo (qualcuno ha detto De Pollo?) provocando un rigore ineccepibile, trasformato da Ronaldo all'83'. Negli ultimi dieci minuti la i bianconeri ci credono, aggrediscono l'Udinese e trovano il gol del 2-1. Cross perfetto di Rabiot, incornata di Ronaldo sotto porta, mezza papera di Scuffet e la storia cambia rotta.

Classifica Serie A

Serie A, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...