Marotta: "Plusvalenze? Il calcio italiano deve abituarsi al player trading"

Così l'ex dirigente della Juve: "Hakimi e Lukaku dimostrano che siamo un campionato di transizione. Indagine plusvalenze? Nessun problema per l'Inter"

Marotta: "Plusvalenze? Il calcio italiano deve abituarsi al player trading"© Marco Canoniero

MILANO - "Se l'Inter ha problemi con le plusvalenze? Assolutamente no". Lo ha detto Beppe Marotta, amministratore delegato nerazzurro, intervistato durante l'incontro con l'Inter Club del Consiglio Regionale della Lombardia. "Mi sento di dire - prosegue l'ex dirigente della Juventus - che il modello italiano deve garantire il player trading. Siamo un campionato di transizione, i campioni non finiscono più la carriera qui, lo abbiamo visto con Lukaku e Hakimi. Chi viene in Italia ha poi la speranza di andare in Premier League o al Psg. Dobbiamo assistere anche a queste situazioni, perché Hakimi e Lukaku hanno generato plusvalenze".

Marotta: "L'Inter è tornata dove merita"

"La qualificazione agli ottavi di Champions una rivincita? È un traguardo importante che mancava da dieci anni, che ci riporta a un passato glorioso. Ma non si vive di vendetta, nello sport i giudizi non devono mai essere affrettati, serve cautela. L'equazione che più spende più vince non sempre vale. Laddove non ci sono soldi ci dev'essere competenza, passione, affiatamento, virtù che ho trovato in questa Inter e ho cercato di rafforzare. Abbiamo dato svolta a un cammino di transizione e oggi siamo ritornati su palcoscenico più consono alla storia del club. Inzaghi? Non mi ha meravigliato, l'avevo già conosciuto come calciatore. Nel suo periodo alla Lazio ha dimostrato sempre di essere un allenatore, giovane, dinamico, con tantissime caratteristiche positive. Abbiamo dovuto fare una scelta velocissima, nel giro di qualche ora. Era un allenatore che si adattava benissimo al modulo, italiano e si è integrato velocemente. Se era la nostra prima scelta? Era già nel nostro taccuino. Se fosse rimasto con la Lazio? Non sarebbe stato facile, cercavamo soprattutto un allenatore italiano".

Marotta: "Zhang non vende l'Inter"

"Se mi sento di smentire un imminente cambio di proprietà? Sì. I proprietari stranieri non sempre vivono la quotidianità della gestione, ci sono i manager che hanno questo ruolo, l'importante è che ti diano sicurezza e stabilità. Non dimentichiamo quello che ha fatto la famiglia Zhang, in primis Steven, che nell'arco di questi anni hanno profuso centinaia di milioni di euro. Se l'Inter ha trovato certa stabilità e una continuità vincente lo si deve alla famiglia Zhang. La loro vicinanza non è mai mancata".

Marotta su Vlahovic ed Alvarez

Quello di gennaio "è un mercato di riparazione. Siamo fortunati, questa rosa è omogenea e non ha falle profonde, ci sta dando soddisfazioni e merita di continuare. È una finestra di mercato difficile, dovremmo trovare opportunità che siano all'altezza della situazione. Non credo ci saranno stravolgimenti. Vlahovic? È l'espressione dell'attaccante moderno, con grande talento. C'è un aspetto di conflittualità con la Fiorentina ma spero si risolva, è brutto per una società vedersi sfilare un giocatore che è un patrimonio cresciuto anche grazie alla società stessa. Rappresenta uno dei giovani più interessanti del campionato italiano. Ma noi in quel reparto abbiamo esperienza e gioventù, con una qualità elevata", ha aggiunto. Anche il nome di Julian Alvarez è accostato all'Inter, ma "il fatto che Baccin sia in Argentina rientra nelle attività ordinarie di un dirigente, monitora i campionati in Argentina e Paesi limitrofi per individuare chi va bene nel nostro modello".

Marotta su Brozovic e Perisic

"Sensazione che si possa trovare un accordo per i rinnovi di Brozovic e Perisic? Credo di sì. Se i calciatori vogliono restare, il club è orgogliosi di tenerli. La volontà del giocatore è fondamentale. Noi non possiamo dispensare milioni per i contratti, se esiste la possibilità che i calciatori capiscono il nuovo modello che si è installato nel calcio italiano e nell'Inter credo si possa proseguire. Con grande orgoglio, dico che l'Inter dà tanto ai giocatori".

Marotta e l'addio alla Juve: "Esistono i cicli..."

"Se Agnelli ha fatto male a mandarmi via? C'è un ciclo per i giocatori, è giusto che ci sia anche per i dirigenti. Sono molto contento di essere arrivato a Milano e all'Inter. Il mio rinnovo? Come management abbiamo un buon rapporto con la proprietà. Vedremo come il Covid condizionerà il rientro di Steven Zhang a Milano. Ma io, Ausilio, Baccin e Samaden siamo contenti di proseguire la nostra avventura all'Inter ed è una cosa reciproca con la proprietà. Credo che alla prima occasione ci saranno i presupposti per farlo. Rinnovo fino al 2025? Lo vedremo".

Marotta: "Conte acqua passata". E su Lukaku...

"Se mi sento deluso da Conte? Il calcio è questo, ci sono avvicendamenti continui, cambiamenti con grande repentinità. A lui va dato il grande merito di aver tracciato una strada, riportandoci alla vittoria e noi abbiamo continuato su questa strada. A Conte non possiamo che riconoscere tanti valori e meriti. Ma è acqua passata, parliamo del presente". Marotta è poi tornato sulla cessione di Lukaku: "Da una parte c'era la grande volontà del giocatore di fare un'esperienza al Chelsea, dall'altra la società era in un momento di contrazione finanziaria e non poteva rinunciare a una somma straordinaria. Ma la volontà del giocatore è fondamentale, sfatiamo il fatto che Zhang abbia voluto venderlo a tutti i costi".

Marotta sullo stadio: "A Milano i presupposti ci sono"

"Ci sono tante cose da rimodellare e tanti cambiamenti nell'ottica di un modello calcistico, quello italiano, che non è più sostenibile. Lo stadio? Rappresenta per un club non solo un asset patrimoniale, ma soprattutto rappresenta la casa dei propri tifosi, della squadra. I presupposti a Milano ci sono per arrivarci, c'è un'attività da parte dei due club, c'è grande sensibilità da parte dell'amministrazione comunale. Credo e spero si possa arrivare alla realizzazione quanto prima".

Juve, plusvalenze sospette: al vaglio i rapporti con Ronaldo
Guarda il video
Juve, plusvalenze sospette: al vaglio i rapporti con Ronaldo

Serie A, i migliori video

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...