Stroppa verso la Juve: "Senza Ronaldo mettono i brividi lo stesso"

Il tecnico del Crotone: "Hanno tanti altri campioni e sono la squadra da battere. Noi siamo in crescita, aspetto l'ambientamento dei nuovi"

© www.imagephotoagency.it

CROTONE - Vigilia importante per il Crotone e Giovanni Stroppa, chiamati al difficile impegno contro la Juventus: "Le ultime due settimane sono andate sulla falsariga di quelle passate, perchè i nuovi si sono allenati solo negli ultimi giorni ed eravamo senza i nazionali. Comunque si è lavorato bene e bisogna continuare così. Mille tifosi allo Scida? Sono ancora pochi, ma accontentiamoci, sarà bello ritrovarli - ha spiegato in conferenza stampa -. A che livello siamo? Contro il Sassuolo si è visto un gran livello, peccato solo non aver concretizzato ciò che abbiamo fatto. I nuovi sono bravi, ma si stanno ambientando e gli serve ancora tempo. Fortunatamente, anche se sono stranieri, riusciamo a comunicare". Sui contagi da Coronavirus che aumentano anche tra i calciatori Stroppa ha spiegato che "la situazione è di difficile gestione e non riesco a trovare una soluzione giusta. Si è già parlato di una bolla in stile NBA, ma non sarebbe facile da gestire".

Stroppa: "4-1 risultato severo per noi"
Guarda il video
Stroppa: "4-1 risultato severo per noi"

"La formazione della Juve mette i brividi"

Sulla situazione infortunati, con il Crotone che farà a meno di Benali e Riviere: "Dobbiamo aspettare, entrambi non sono recuperabili e mi attengo a quello che mi dicono i medici. Gli assenti della Juve? Se guardo la formazione che potranno mettere in campo c'è solo da sgranare gli occhi. Sono i campioni e hanno tanti campioni, sono la squadra da battere e i più forti in tutti i sensi. Servirà attenzione, oltre a dare qualcosa in più: siamo in crescita e possiamo farlo". Sulla possibilità di vedere insieme Petriccione e Cigarini: "Assolutamente sì, Petriccione è duttile e può giocare anche più avanti. Come stanno gli altri? Reca è rientrato da poco ma sta bene, mentre Rojas per me è una mezzala che ha bei colpi, ma è un 2002 che arriva dal settore giovanile anche se con ottime qualità". "Un risultato positivo contro la Juve potrebbe essere determinante per il nostro cammino, ma la squadra è in crescita. Dobbiamo migliorare negli ultimi minuti e lavorare individualmente in entrambe le fasi. Provo ancora fastidio per il risultato con il Sassuolo". Dopo il Milan senza Ibrahimovic, anche la Juve dovrà fare a meno di Ronaldo: "Meglio guardarli in tv piuttosto che giocarci contro, ma da sportivo mi sarebbe piaciuto vederlo. Ma se guardo la formazione della Juve - ammette Stroppa - c'è da rabbrividire..."

Commenti