Tuttosport.com

Serie A Juventus, Morata, è derby con Mandzukic
© www.imagephotoagency.it

Serie A Juventus, Morata, è derby con Mandzukic

Contro il Toro lo spagnolo va alla riconquista del posto da titolare, della fiducia e del goltwitta

martedì 15 dicembre 2015

di Stefano Lanzo

TORINO - Fresco di rinnovo contrattuale fino al 2020, Alvaro Morata si appresta a vivere da protagonista il derby di Coppa Italia. Nel gioco delle coppie toccherebbe allo spagnolo, magari in coppia con Simone Zaza, un altro che sta giocando meno. Scelte di formazione a parte, quella contro il Torino è un’occasione da non perdere per recuperare terreno. Perché il vero derby di Morata è con Mario Mandzukic, l’uomo che si è preso l’attacco della Juve con la forza delle prestazioni. Non servono motivazioni extra in una stracittadina che vale i quarti di Coppa Italia, uno degli obiettivi di una Juventus intenzionata a ottenere il massimo su ogni fronte possibile. Ma il bomber arrivato dal Real Madrid ha un motivo in più per rendere memorabile la notte dello Stadium: imporre il proprio marchio in modo da mandare un segnale. Non solo ad Allegri, che lo vede e valuta ogni giorno. Ma anche ai tifosi, che lo hanno eletto idolo dopo i gol pesanti in Champions della passata stagione e che lo hanno adottato a tutti gli effetti. Al popolo bianconero basterebbe un gol, così da rompere un incantesimo che si trascina da quasi due mesi e mezzo. Non è una mera questione di digiuno da reti per quanto la questione non sia mai banale, specialmente per un attaccante abituato a viaggiare a medie gol elevate. Morata si gioca molto di più: c’è in ballo il posto nel reparto, ora più che mai occupato dal croato che ha sviluppato un feeling eccellente con Paulo Dybala. La coppia è ormai ritenuta imprescindibile da Allegri ed è arduo sollevare obiezioni: sono i numeri a trasformare Mandzukic e il giovane argentino in un tandem indispensabile. E da quando il tecnico bianconero è riuscito a trovare il bilanciamento perfetto in attacco, la Juventus ha cominciato a correre con una velocità davvero da scudetto.

Carpe diem Rigenerare Morata passa giocoforza dal derby con il Toro. Ma il vero derby dello spagnolo non si disputa contro i granata in senso stretto. Reclamare un posto fisso attraverso una prestazione finalmente convincente: è questo ciò che si aspetta anche Allegri, il quale non può (e non vuole) prescindere da Morata perché troppo importante per lanciare la caccia a tutti gli obiettivi senza dover rinunciare al massimo delle ambizioni. La sfida a distanza con Mandzukic è dunque lanciata e ricomincia dallo Stadium. Il croato parte in una posizione di vantaggio consolidata nelle scorse settimane, sia in campionato sia in Champions. Morata invece ha bisogno di ritrovare la fiducia. La Juventus ha mandato un messaggio preciso al ragazzo: rinnovare fino al 2020 è un attestato di stima sconfinata e non solo un modo per tutelarsi in sede di mercato. Il bomber “smarrito” va dunque alla ricerca, in un colpo solo, della via del gol persa da inizio ottobre e dell’occasione per ripagare la dirigenza bianconera. E i tifosi si aspettano altri regali: il Toro arriva al momento opportuno per dare una spallata a una stagione fino a questo momento caratterizzata più da ombre che da luci. Tocca ad Allegri dare a Morata un’opportunità che va guadagnata nel lavoro quotidiano e poi capitalizzata al momento opportuno. Prima che sia troppo tardi.

Tags: Juventus

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti