Tuttosport.com

Juventus, Marchisio rivela: «Abbiamo regole per l'uso dello smartphone»
© Marco Canoniero

Juventus, Marchisio rivela: «Abbiamo regole per l'uso dello smartphone»

Il centrocampista bianconero: «È una questione di buon senso anche perché in una squadra ci sono esperienze e sensibilità differenti»twitta

martedì 13 giugno 2017

TORINO - «Regole specifiche per l'uso dello smartphone nello spogliatoio della Juventus? Ci sono ma, come sempre, è una questione di buon senso». Così il centrocampista bianconero Claudio Marchisio rivela un retroscena nello spogliatoio juventino. «Anche perché in una squadra - aggiunge "Il Principino" in un'intervista a Class - ci sono esperienze e sensibilità differenti. Nella Juve c’è Buffon che ha quasi 40 anni, ci sono io a metà e poi ci sono i ragazzi di 20 anni. Dobbiamo per forza trovare un equilibrio».

SICUREZZA - «È importante, poi, cambiare le proprie password spesso. Io lo faccio ogni mese da quando, qualche tempo fa, ho avuto una brutta sorpresa. Avevano creato una mia falsa identità con la quale dialogavano con i fan, con problemi che si possono immaginare».

L'AFFETTO DEI FAN - «Nell’era dei social vedo che tantissimi fan creano pagine dedicate a me e alla mia famiglia. È fantastico, e alle volte penso che l’attenzione e l’affetto che vengono rivolti ai calciatori siano persino esagerati: alla fine siamo persone normali, con difetti e pregi come chiunque altro. Io e la mia famiglia ringraziamo comunque tutti. Siete speciali, davvero».

I VANTAGGI - «Smartphone e smartwatch danno oggi un contributo notevole per chi fa sport o per chi vuole monitorare il proprio livello di benessere anche se - ha sostenuto - non è uno sportivo professionista. Per chi vuole migliorare la prestazione sono utilissimi per calcolare con esattezza a che livello si è. Se pensiamo che Usain Bolt lima i record di pochi millesimi, possiamo capire quanto sia più importante la precisione nell’atto sportivo».

Tags: JuventusMarchisio

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti