Tuttosport.com

Lo Sporting non dimentica Ronaldo: «Respect the GOAT»
0

Lo Sporting non dimentica Ronaldo: «Respect the GOAT»

«Rispettate - letteralmente - la capra», acronimo in inglese per "più forte calciatore di sempre": il suo primo club ricorda il fuoriclasse della Juventus, pubblicando un tweet col cartellino di un CR7 ancora bambino

mercoledì 13 marzo 2019

TORINO - Cristiano Ronaldo ha ribadito ancora una volta, se mai ce ne fosse stato bisogno, il suo incredibile feeling con la Champions League. Supportato da una Juventus impeccabile in ogni singolo interprete, il fuoriclasse portoghese ha tirato fuori il meglio di sé, segnando la tripletta decisiva per ribaltare lo svantaggio maturato al Wanda Metropolitano con l'Atletico Madrid. Una pioggia di elogi è arrivata da tutte le latitudini, ma originale e in un certo qual senso romantica è stata la via scelta, su Twitter, dall'account ufficiale dello Sporting Lisbona, il club che gli ha dato i natali calcistici.

GOAT - «Respect the GOAT», letteralmente "Rispettate la capra", ma acronimo di "Greatest of all time", cioè "Il più forte di sempre", con una foto per nulla banale a fare da corredo: un giovanissimo Ronaldo, talentino ancora in erba delle "infantil" dello Sporting, in quello che fu il primo cartellino agli albori del mito. Col club della capitale lusitana, CR7, giocherà 5 anni, ma soltanto uno in prima squadra, prima di passare al Manchester United, per iniziare a vincere tutto. Il resto, poi, tra i 9 anni al Real ed il sensazionale passaggio alla Juventus, è storia nota. Fino a ieri sera, in cui ha lanciato un messaggio forte e chiaro al mondo: l'"alieno" non ha ancora abdicato dal trono dei più grandi.

Cristiano Ronaldo Juventus Sporting Lisbona Champions League

Commenti

La Prima Pagina