Tuttosport.com

Tacconi: «Buffon, basta! Il migliore è Szczesny. Italia 90? Con me avremmo vinto»
© LaPresse
0

Tacconi: «Buffon, basta! Il migliore è Szczesny. Italia 90? Con me avremmo vinto»

L'ex portiere della Juventus lancia una frecciata all'estremo difensore del PSG: «Quell'errore in Champions League contro il Manchester United fa capire che forse è arrivata l'ora di smettere»

giovedì 21 marzo 2019

TORINO - La Juventus può vantare una straordinaria tradizione di portieri, a partire da Dino Zoff e dal suo successore Stefano Tacconi, fino ad arrivare a Gianluigi Buffon e a Wojciech Szczesny. Tacconi, che ha difeso la porta bianconera a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, è intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del programma "I Lunatici" e ha raccontato alcuni retroscena del suo passato da giocatore e ha anche un consiglio da dare a Buffon: "La papera che ha fatto in Champions fa capire che forse è arrivata anche per lui l'ora di smettere. A 42 non puoi pretendere più di tanto da te stesso".

SZCZESNY IL MIGLIORE - Nonostante Buffon non sia più in Italia, per Stefano Tacconi il miglior portiere della Serie A resta un giocatore bianconero: "Il portiere più forte della Serie A è Szczesny, anche se Donnarumma finalmente ha trovato un preparatore di portieri che lo sta allenando. La scuola italiana ormai non esiste più".

JUVENTUS, HAI PRESO UN FENOMENO

FEDELTA' - Tacconi si sofferma su un episodio che riguarda il suo passato alla Juventus: "C'è stato un periodo quando Moggi era al Napoli in cui mi chiamava continuamente. Mi aveva offerto più di un miliardo di lire d'ingaggio, ma io rifiutai e restai alla Juventus prendendo la metà. I calciatori oggi invece pensano solo ai soldi. La parata più bella? A Tokyo, nella finale di Coppa Intercontinentale"

SCONFITTA MONDIALE - Impossibile non tornare sui Mondiali casalinghi del 1990. Tacconi ammette: "Se avessi giocato io avremmo vinto il mondiale. Erano gli anni della rivalità con Zenga. Io e Walter abbiamo avuto una esaltazione in quel periodo che ha creato l'era del portiere italiano. La rivalità? Meno male che esiste".

I MIGLIORI - Tra i tanti campioni con cui ha giocato, Tacconi non ha un preferito: "Per me è stato un orgoglio giocare con tantissimi campioni. Al confronto il calcio di oggi è diverso, imparagonabile a quello che ho vissuto io. Baggio non è stato il più forte con cui ho giocato, anzi. Ho giocato con Maradona, Zico, Passerella, Careca". E tra gli allenatori? "Trapattoni era un rompipalle, ma creava lo spogliatoio. Non era facile sistemare tutti quei giocatori che stavano alla Juventus. Zoff, poi, per me è un secondo papà".

IL SESSO E IL CALCIO - "Cassano ha dichiarato di aver avuto più di mille donne, ma il nostro era un calcio diverso. Abbiamo distrutto un'era calcistica della Nazionale perché dopo Sacchi è cambiato tutto, sono nati i centri sportivi, invece fino a quando andavamo negli alberghi eravamo sempre pieni di donne. E il sesso prima delle partite non influiva sulle prestazioni in campo, perché vincevamo sempre. Fino al '90 avevamo l'opportunità di divertirci anche, l'era dei centri sportivi ha distrutto tutto".

Uefa, la sentenza ufficiale: Cristiano Ronaldo, solo una multa

Commenti

La Prima Pagina