Tuttosport.com

De Ligt, la Juve ha preso il suo prossimo leader
© Juventus FC via Getty Images
0

De Ligt, la Juve ha preso il suo prossimo leader

Personalità, carattere e sicurezza: De Ligt nella presentazione ha dimostrato grande maturità dando l'impressione di essere già perfettamente ambientato

di Guido Vaciago venerdì 19 luglio 2019

TORINO - Diciannove è l'unico numero che non torna nella costosa operazione De Ligt. Perché è davvero difficile pensare che il ragazzo che è stato presentato questa mattina allo Juventus Stadium sia appena maggiorenne e abbia l'età in cui è, tutto sommato, anche lecito essere più spensierati. Matthijs De Ligt ha parlato con la sicurezza, la personalità e la decisione di un trentenne navigato, non di un ragazzino che è nato quando Gigi Buffon vinceva già la Coppa Uefa con il Parma.

SENSAZIONE FORTE - La prima impressione del nuovo acquisto della Juventus è davvero forte. Si era capito, per carità, ma constatarlo dal vivo aggiunge valore alla sensazione. D'altra parte non si diventa capitani dell'Ajax a diciotto anni per caso e non si trascina la propria squadra in semifinale di Champions con gol e personalità.

UN LEADER - De Ligt non ha paura di niente, ha smania di vincere ma soprattutto voglia di imparare. Ha il mito dei difensori italiani che ha studiato da secchione del calcio quale è. Non si preoccupa delle pressioni («Se vuoi diventare un campioni non puoi averne timore») e neppure della concorrenza, anzi la presenza di difensori molti forti nel reparto per lui è «un'opportunità per apprendere e acquisire esperienza», ma nello stesso è convinto di poter dare un contributo concreto portando il suo modo di difendere nella Juventus. Fabio Paratici non ha acquistato solo il più forte fra i giovani difensori europei, ma un potenziale leader per il prossimo decennio. Raiola permettendo.

Vota il Golden Boy 2019

Juventus Deligt Presentazione

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...

La Prima Pagina