Tuttosport.com

Ronaldo, la conferma della commessa:
© LAPRESSE
0

Ronaldo, la conferma della commessa: "Aspettavano vicino alla cassa, lui il più timido"

Paula Leca, una delle commesse del McDonald's, ha confermato le dichiarazioni del portoghese della Juve a Good Morning Britain: "Venivano ogni notte"

venerdì 20 settembre 2019

TORINO - "Avevo 12 anni e non avevamo soldi. Vivevo insieme ad altri piccoli calciatori provenienti da altre parti del Portogallo. E' stato un momento difficile, lontano dalla mia famiglia. C'era un Mc Donalds nelle vicinanze. Abbiamo chiesto gli hamburger che erano rimasti e una signora che si chiamava Edna, insieme ad altre due ragazze, ci hanno dato ciò che era rimasto. Spero che questa intervista mi aiuti a trovarle" ha dichiarato Cristiano Ronaldo qualche giorno fa in un'intervista a Good Morning Britain. L'attaccante della Juventus ha ricordato la sua infanzia in Portogallo, aggiungendo anche: "Vorrei invitarle a cena con me a Torino o a Lisbona . Non ho mai dimenticato quel momento e vorrei restituire ciò che mi hanno dato". Oggi, Paula Leca, una delle commesse del McDonalds, ha confermato le dichiarazioni di Ronaldo spiegando a Radio Renascenca: "Aspettavano vicino alla cassa, come se non volessero nulla. E quando c'erano troppi hamburger, il nostro manager dava loro il permesso di darglieli. Uno di loro era Cristiano Ronaldo, il più timido". Infine, sull'invito a cena del campione portoghese: "Nessuno credeva a questa storia, adesso la gente è consapevole che non mi sono inventata nulla. Se mi invitasse realmente a cena sicuramente ci andrò, e lo ringrazierò". 

Caricamento...

La Prima Pagina