Tuttosport.com

Juve senza 9, ma ha 739 motivi per consolarsi

0

Dybala è ko, Dzeko ancora giallorosso. Ma Pirlo può affidarsi al suo fuoriclasse, sempre più re dei bomber in attività

Juve senza 9, ma ha 739 motivi per consolarsi
© Juventus FC via Getty Images
 Sergio Baldini domenica 20 settembre 2020

Di sicuro Andrea Pirlo non è felice di cominciare la sua carriera da allenatore senza un centravanti: «Speriamo che arrivi il prima possibile», aveva sinceramente espresso il suo desiderio una settimana fa, dopo l’amichevole con il Novara. Non è parso però neppure sconfortato per questa lacuna, come avete letto a pagina 8. D’altra parte, di motivi per consolarsi, ne ha 739. Tanti quanti i gol segnati da Cristiano Ronaldo, che non sarà un “nove” nel senso classico del numero, ma è il miglior goleador in attività e il quinto di tutti i tempi, con la freccia già lampeggiante in vista del sorpasso sul quarto, Ferenc Puskas (746). «Il miglior centravanti del mondo senza essere un centravanti», per dirla con la calzante definizione di Massimiliano Allegri.

E’ chiaro che un centravanti non serve solo a fare gol, ma ha anche compiti legati allo sviluppo e alla rifinitura della manovra che Ronaldo non può assolvere, né lo possono gli altri bianconeri a disposizione di Pirlo. C’è di peggio, però, che inventarsi movimenti per far fronte all’assenza di un punto di riferimento offensivo avendo a disposizione il miglior finalizzatore del mondo...

Per giunta è un Ronaldo già tirato a lucido, quello che stasera comincerà il suo terzo campionato di Serie A deciso a trasformarlo nel suo terzo Scudetto in bacheca, magari aggiungendoci quella classifica dei marcatori che finora gli è sfuggita e che farebbe di lui il primo capocannoniere di Premier League, Liga e Serie A. Aveva chiuso la scorsa stagione con la doppietta al Lione, insufficiente per portare la Juventus alla final eight di Champions ma più che sufficiente per rimarcarne una volta di più lo status di fuoriclasse, soprattutto con il secondo gol inventato dal nulla. Ha iniziato questa stagione con la doppietta alla Svezia raggiungendo le 101 reti nel Porto gallo, grazie a una punizione perfetta e un gran destro da fuori. La sosta tra un’annata e l’altra è stata talmente breve che il motore perfetto di CR7 non ha fatto neppure in tempo a raffreddarsi. Il fuoriclasse portoghese lo ha spento ma sottoponendolo alla solita manutenzione maniacale e ora è pronto di nuovo a farlo rombare.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Cristiano Ronaldo

Caricamento...

La Prima Pagina