Luca Toni: "Ronaldo è un campione, ma certi atteggiamenti..."

Intervista all'ex bomber, campione del mondo nel 2006 insieme con Pirlo: "Atalanta-Juve, quanti campioni tutti all'attacco"

Luca Toni: "Ronaldo è un campione, ma certi atteggiamenti..."© www.imagephotoagency.it

Buongiorno Luca Toni. Atalanta-Juventus è sinonimo di...

«Spettacolo. Sarà una bellissima partita, tra squadre portate ad attaccare piuttosto che a difendere, con tante occasioni e tanti campioni protagonisti. Quella dell’Atalanta è una rosa all’altezza delle grandi in lotta per la Champions. Zapata, Muriel, Ilicic, penso anche a Pessina: tutti bravissimi».

La sorprende la frequenza con cui Muriel non smetta di incidere anche a gara in corso?

«Ho sempre pensato fosse un predestinato. Gli mancava continuità, l’ha trovata con Gasperini. Ha qualità impressionanti, me ne accorsi subito quando gli giocavo contro. Lui e Zapata meriterebbero di essere sempre titolari, ma evidentemente è bravo anche l’allenatore a gestirli bene. Il tecnico ha l’imbarazzo della scelta, non solo in attacco».

Sarà una sfida da 132 gol: 71 per l’Atalanta, 61 per la Juventus. Quale è il segreto dei bergamaschi?

«Chiunque giochi oppure entri in corso d’opera è contento. O perlomeno è quello che sembra e se ci sono mugugni evidentemente nessuno lo fa notare. Tutto merito di Gasperini: ha costruito un bel gruppo, composto da calciatori perfettamente consapevoli del fatto che si stiano giocando tanto, anche in Champions. E Muriel è decisivo anche quando parte in panchina: altrove non sempre succede, anzi».

Cristiano Ronaldo è al centro di tutto, anche quando la Juventus vince ma lui non fa gol. E persino quando si monta un caso che non esiste: la vicenda della maglietta regalata al raccattapalle a fine partita contro il Genoa. Lei da che parte sta?

«È un giocatore molto importante per la Juventus, è il capocannoniere del campionato, sta segnando tanto. Però alcuni suoi atteggiamenti nei confronti del gruppo non mi fanno impazzire. Ripenso a quando giocavo io: ero molto egoista e se non facevo gol rimanevo comunque sul campo ad esultare. Sopportavo la delusione e la tenevo dentro di me. Perché al di là del fatto che sia stato un caso o meno, la maglia non la lanci, la consegni. Un grande campione a volte deve dare l’esempio. Cristiano in questo modo avrebbe evitato anche il semplice chiacchiericcio, che proprio non serve».

Tutti gli approfondimenti su Tuttosport in edicola

CR7, mattina in palestra con il sorriso e Georgina
Guarda il video
CR7, mattina in palestra con il sorriso e Georgina

TS League europei

Juve, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...