Superlega, Infantino: "No al progetto, ma nessuna sanzione". E bacchetta Ceferin

Il presidente della Fifa all'Equipe contro chi vuole punire i club della Super League: "Certe sanzioni potrebbero avere conseguenze importanti e poi bisognerebbe prendersene la responsabilità". Poi apre al dialogo e bacchetta Ceferin: "Si chieda perché si è arrivati a questo"

Superlega, Infantino: "No al progetto, ma nessuna sanzione". E bacchetta Ceferin© EPA

TORINO - Superlega no, ma andateci piano con sanzioni e affini verso i club che hanno tentato di mettere in piedi la competizione alternativa. La sintesi estrema dell'intervista di Gianni Infantino all'Equipe suona come un monito alle derive giustizialiste-ceferiniane in seno all'Uefa e alle leghe nazionali. Dice il presidente della Fifa: «Certe sanzioni potrebbero avere conseguenze importanti e poi bisognerebbe prendersene la responsabilità. C'è da capire di che provvedimenti si parli, sento dire che bisogna punire i club, ma questo potrebbe voler dire castigare anche i calciatori, gli allenatori e i tifosi delle società coinvolte che non hanno nulla a che spartire con il progetto della Superlega. E' compito delle istituzionali nazionali, poi dell'Uefa e quindi della Fifa, prendere le decisioni opportune. Io, anche nelle situazioni più delicate, sono per il dialogo e non per i conflitti. Dobbiamo evitare di parlare di guerra quando si parla di calcio, soprattutto in un momento come questo in cui tutto il mondo fa i conti con una pandemia senza precedenti».

LA MOSSA DI INFANTINO - A tre settimane dalla detonazione notturna del progetto Super League, emerge l'abilità politica di Infantino che approfitta del momento critico per ergersi ad arbitro e pacificatore della rissa fra le istituzioni e i 12 club, con il risultato di ridimensionare il suo rivale Ceferin, che Infantino non ha esitato a soccorrere il 20 aprile, ma riprendendosi nello stesso tempo quella fetta di potere che il presidente dell'Uefa sembrava avergli eroso, proprio grazie all'alleanza con i grandi europei. Gli stessi club contro cui Ceferin si è scagliato con una mitragliata di interviste rilasciate nelle scorse settimane, a partire da quella concessa a margine del congresso e diventata un'invettiva contro Andrea Agnelli, trascesa in tono e sostanza. Non era piaciuta, ai vertici del calcio mondiale, la trasformazione dell'importante crisi politica aperta dalla Super League in lite personale. Ma, soprattutto, pare che in seno alla Fifa nessuno sia così voglioso di andare allo scontro aperto con i club più importanti e popolari. Anche alla luce del progetto WCC, ovvero World Club Competion, il mondiale per club, il giocattolo da un paio di miliardi di dollari, che Infantino vuole far partire al più presto, dopo aver rinviato la prima edizione per Covid. Portare avanti un progetto del genere senza i 12 club della Super League o anche solo senza Real Madrid, Barcellona, Juventus e Milan, potrebbe togliere non poco appeal al nuovo torneo.

ELEGANTE MAZZATA - Infantino, quindi, inizia a ricucire lo strappo della Super League, non senza moniti severi ai cosiddetti "club fondatori", ma senza alcuna minaccia e, anzi, assestando un'elegante mazzata a Ceferin, quando dice: «Un leader deve anche chiedersi perché siamo arrivati ??a questo. E, da lì, come possiamo costruire il futuro insieme e per questo dobbiamo ascoltare tutti, ma soprattutto i tifosi, che sono il vero cuore del calcio».

IL TRIBUNALE DI MADRID - Infantino è abile, furbo e ha certamente letto con attenzione la misura cautelare del Tribunale di Madrid (un faldone corposo che dispone anche di: «Ordinare alla FIFA e alla UEFA, nel procedimento, di astenersi dall’adottare qualsiasi provvedimento o azione; di rilasciare qualunque dichiarazione o comunicazione che impedisca o ostacoli, direttamente o indirettamente, la predisposizione della Superlega»). Fifa e Uefa hanno ovviamente i mezzi e gli uomini per combattere una guerra giuridica, nella quale il tribunale di Madrid sarebbe solo la prima battaglia, ma perché combattere una guerra quando ci si può sedere intorno a un tavolo? E Infantino lo spiega in un altro passaggio dell'intervista, nel quale da una parte chiude al progetto Super League così come è stato proposto («Perché si basa su una rottura con le istituzioni» e «perché non è concepibile un sistema chiuso»), ma dall'altra apre all'idea di «dibattere nuove idee nel rispetto delle istituzioni e senza perdere di vista i valori che hanno reso il nostro sport oggi il più popolare al mondo». Se ci fosse un Google translator delle dichiarazioni politiche, forse inserendo quella frase verrebbe fuori: «riforma della riforma Champions, per mediare tra l'inaccettabile formula antimeritocratica della Super League e l'evidente inefficienza dell'Uefa di rispondere alle esigenze di chi nel calcio mette e produce più denaro».

TAVOLI PER IL FUTURO - Ma al netto delle interpretazioni troppo estensive del suo pensiero, l'Intervista di Infantino apre, dunque, alla stagione delle colombe dei tavoli, che probabilmente verranno apparecchiati al termine del frenetico finale della stagione dei club, magari in concomitanza con l'Europeo. E sarà molto interessante capire non solo la disposizione dei posti, ma anche il menù.

TS League europei

Juve, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...