Le parole di Allegri e Agnelli sono l'inizio di una nuova era: ecco perché

La conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico dà l'impressione che ci sia un progetto a lunga scadenza, ma l'obiettivo è sempre quello: vincere subito

Le parole di Allegri e Agnelli sono l'inizio di una nuova era: ecco perché© Juventus FC via Getty Images

TORINO - Si riapre un ciclo. La storia dirà se sarà vincente e lungo come il primo, ma oggi nella sala stampa dell'Allianz Stadium è stata varata una nuova era. «La durata del contratto di Allegri è legata alla grande fiducia che abbiamo in lui, ma anche pensando al progetto a lunga scadenza che abbiamo», ha spiegato Andrea Agnelli nel presentare quello che è uno dei suoi migliori amici, ma anche il nuovo allenatore della Juventus per i prossimi quattro anni.

Agnelli: "Con Allegri per scrivere un nuovo capitolo"
Guarda il video
Agnelli: "Con Allegri per scrivere un nuovo capitolo"

IL PROGETTO - Si riapre un ciclo perché il progetto Allegri è un progetto complesso e organico. Parte dalla valorizzazione della rosa attuale («Il mio compito è creare valore», dice Max) e presuppone una serie di investimenti nel corso delle prossime stagioni. «Allegri non è una scelta affettiva», dice Agnelli: «Ma una scelta professionale, perché crediamo in lui come tecnico e come professionista che segue i valori della Juventus: lavoro, sacrificio e vittorie». Perché Allegri ha, come ogni allenatore bianconero, il dovere di portare a casa dei risultati e, in fondo, è quello che piace anche a lui, che già programma la quota scudetto («Quest'anno potrebbe essere fra gli 88 e gli 88 punti»), ribadisce il suo marchio di fabbrica sulle vittorie di «corto muso» e addirittura pianifica i gol che potrebbero servire per il tricolore («Ne serviranno 75/80», spiega e ne chiede tanti, oltre che alle punte, anche a Rabiot e McKennie).

Agnelli: "Allegri? Non è stato chiamato per amicizia"
Guarda il video
Agnelli: "Allegri? Non è stato chiamato per amicizia"

LA ROSA E CR7 - Allegri crede in questa rosa. Anche se si aspetta qualche ritocco dal mercato, è sicuro che il materiale di partenza è ottimo. E' convinto di rilanciare Dybala e di valorizzare ulteriormente Chiesa, sa di poter contare su Chiellini e Bonucci ma punta moltissimo su De Ligt. E anche per Ronaldo ha un progetto. Segno che alla Juventus credono nella sua permanenza a Torino, anche se sono consapevoli che il suo agente Mendes sta ancora lavorando e che per almeno altre due settimane nulla è da dare per scontato. Ma, intanto, ieri pomeriggio fra Allegri e CR7 c'è stato un colloquio programmatico significativo. «Gli ho detto che è un anno importante, perché rispetto a tre anni fa quando arrivò in una Juventus molto esperta, trova una squadra molto giovane e quindi lui, Chiellini e Bonucci devono essere determinanti con le loro prestazioni, ma anche con l'esempio». Un discorso per fargli capire che deve essere più uomo squadra e meno giocatore azienda. D'altra parte, i rapporti di forza si sono ribaltati: Ronaldo arrivò tre anni fa, all'inizio del suo contratto e nell'ultimo anno di quello di Allegri. Oggi è Cristiano all'ultimo anno e Allegri all'inizio di un quadriennio che si presenta come una nuova era.

Conferenza stampa di Allegri, il commento di Vaciago
Guarda il video
Conferenza stampa di Allegri, il commento di Vaciago

Juve, i migliori video

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...