Superlega, sconfitta per l'Uefa: ecco cosa succede ora a Juve, Real e Barça

Respinto il ricorso dell'Uefa presso il Tribunale di Madrid, ora l'ordinanza del 1° luglio è valida e le misure cautelari sono pesantissime per Nyon: deve decadere ogni procedimento disciplinare (anche nei confronti dei 9 club pentiti) e i dirigenti Uefa non possono più attaccare la Super Leage. Anche la Figc deve ritirare la norma anti Super Lega
Superlega, sconfitta per l'Uefa: ecco cosa succede ora a Juve, Real e Barça© www.imagephotoagency.it

TORINO - La Juventus, il Real Madrid e il Barcellona annunciano con un soddisfatto comunicato un'altra vittoria legale contro l'Uefa, ottenuta sul terreno della Super League. Il Tribunale di Madrid, che il 1° luglio aveva emesso un'ordinanza nei confronti dell'Uefa, ha infatti respinto il ricorso opposto dall'Uefa presso lo stesso Tribunale e, quindi, l'ordinanza ora è valida. Cosa significa? Che l'Uefa deve far decadere i procedimenti disciplinari contro Real, Juve e Barça che, per ora, aveva solo «sospeso», minacciando di riprenderlo a «tempo debito».

STANGATA PER L'UEFA - Il Tribunale commerciale di Madrid vieta in modo perentorio qualsiasi azione disciplinare dell'Uefa nei confronti dei tre club, che formalmente erano ancora sotto inchiesta, e impone all'Uefa di cancellare gli accordi, non esattamente morbidi, con i 9 club cosiddetti "pentiti" (Milan, Inter, City, Liverpool, Chelsea, Tottenham, United, Arsenal e Atletico Madrid). Se l'Uefa dovesse rifiutarsi ne dovrà rispondere civilmente e in extrema ratio penalmente. Roba seria, insomma. Il tutto in attesa del pronunciamento della Corte di Giustizia Europea, presso la quale pende la richiesta di parere da parte dello stesso Tribunale di Madrid.

TEMPI LUNGHI IN EUROPA - Un pronunciamento che potrebbe prendere molto tempo, visto che la Corte ha, tre settimane fa, respinto la procedura accelerata della richiesta (ma non la richiesta stessa, come erroneamente è stato riportato in alcuni casi). Il che significa che i tempi potrebbero anche essere calcolati in anni e non in mesi. Ecco perché le misure del Tribunale di Madrid sono particolarmente importanti. In estrema sintesi: fino a che non si pronuncia la Corte Europea vale ciò che ha deciso il Tribunale di Madrid

LE SANZIONI - Quindi? Ora cosa succede? Innanzitutto l'Uefa deve rispettare le misure cautelari che sono piuttosto severe. Riassumendo le prinicipali:
1. Annullare, rendere inefficaci e archiviare i procedimenti disciplinari avviati contro il Real Madrid, la Juventus e il Barcellona.
2. Astenersi dall'escludere i club fondatori della Super League dalle competizioni Uefa
3. Le misure e gli impegni imposti dall'Uefa ad alcuni club fondatori (i 9 pentiti) rimangono senza effetto.
4. Procedere alla pubblicazione sul proprio sito Web delle azioni sopra descritte.
5. Istruire i propri membri associati, comprese le Federazioni Nazionali, a rispettare gli ordini e i divieti stabiliti nell'ingiunzione provvisoria e in particolare del caso di:
-Premier League inglese, incaricata di annullare e archiviare qualsiasi azione intrapresa in contraddizione con la suddetta ordinanza, comprese, in particolare le sanzioni annunciate lo scorso 9 giugno del 2021 ai 6 club fondatori inglesi.
-La Federazione Italiana Giuoco Calcio, incaricata di astenersi dall'imporre ai club fondatori italiani qualsiasi condizione relativa alla Super League di calcio per continuare a partecipare alle proprio competizioni nazionali.
6. Asternersi, da soli o attraverso dei propri funzionari, in particolare i membri del comitato esecutivo dell'Uefa, dal compiere qualsiasi azioni, inclusi il rilancio di dichiarazioni pubblico che, per il loro contenuto, violino l'ordinanza delle misure cautelari.
La violazione di uno di questi punti comporterebbe per l'Uefa sanzioni economiche ed eventualmente anche penali.


IL DIALOGO - Una bella stangata per l'Uefa che, a questo punto, ha le mani legate sul fronte giuridico e disciplinare. E i tre club che oggi festeggiano la vittoria? Beh, la Super Lega non si può fare in tre, quindi è arrivato il momento del dialogo, che - non a caso - viene citato nel comunicato congiunto: «Il nostro obiettivo è di continuare a sviluppare il Progetto di Super League in modo costruttivo e collaborativo, contando sul contributo di tutti gli stakeholders del calcio: tifosi, calciatori, allenatori, club, leghe e federazioni nazionali e internazionali. Siamo consapevoli del fatto che alcuni elementi della nostra proposta potrebbero essere rivisti e, naturalmente, potranno essere implementati attraverso il dialogo e il consenso». L'ultima parte del comunicato è una proposta aperta all'Uefa (in altre parti del comunicato severamente bacchettata, soprattutto per quanto riguarda l'applicazione discontinua e incoerente del FairPlay Finanziario). Il tavolo ora è sgombro da minacce e pendenze: forse può essere il momento per club e Uefa di sedersi e iniziare a mediare.

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Juve, i migliori video

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...