Cagliari-Juve, Allegri: "Sarà una brutta partita. Bonucci sta bene"

Il tecnico bianconero nella conferenza stampa alla vigilia del match contro i sardi di Mazzarri: "Il quarto posto è sempre stato il nostro obiettivo"

TORINO - Dopo il ko contro l'Inter la Juve deve subito ripartire e per farlo dovrà tornare al successo già nel match in programma sabato alle 20.45 all'Unipol Domus contro il Cagliari di Walter Mazzarri. I bianconeri, che prima della sconfitta contro i nerazzurri erano reduci da 16 risultati utili consecutivi in campionato, devono ora guardarsi alle spalle - la Roma di José Mourinho è a -5- per difendere il quarto posto che al termine della stagione significherebbe qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Di fronte ci sarà la formazione sarda, in piena lotta per non retrocedere e reduce da quattro ko di fila. Massimiliamo Allegri, nella conferenza stampa della vigilia, ha presentato così la sfida contro i rossoblù.

Allegri: "A Cagliari sarà una gara tecnicamente molto brutta"
Guarda il video
Allegri: "A Cagliari sarà una gara tecnicamente molto brutta"

Che risposte vuole domani dalla squadra?

“Domani è una partita complicata, giocare a Cagliari è sempre difficile e loro vengono da una brutta sconfitta a Udine. Sono una squadra fisica che alza molto la palla, secondo me verrà fuori una brutta partita. Domani per noi contano tanto i tre punti, non bisogna perdere di vista il nostro obiettivo”.

Domani stessa soluzione tattica?

“Oggi faremo ultimo allenamento e vedremo le condizioni. Mancherà Locatelli che starà fuori quattro settimana, gli squalificati. Non siamo tantissimi ma non deve essere una scusante. Oggi valuterò se giocare con centrocampo a due o a tre”.

Come sta Bonucci?

"Bonucci sta molto meglio, valuto se farlo giocare dall'inizio o portarlo in panchina".

L'approccio alle gare diventa il rischio di questo finale di stagione?

"Il nostro obiettivo è sempre stato arrivare quarti. Ora abbiamo la Roma a cinque punti ma dobbiamo fare attenzione. Non possiamo ridurci a rischiare che la Roma si avvicini. Indipendentemente dalla partita che verrà fuori dobbiamo calarci nella gara".

Avete fatto lavoro specifico sugli errori fatti negli ultimi metri?

"Credo che la squadra fino a questo momento si sia ben comportata. Siamo mancati nelle tre migliori partite che abbiamo giocato, con Atalanta, Villarreal e Inter dove siamo stati poco lucidi negli ultimi metri. Quindi dobbiamo lavorare, posso capire una volta, due, ma tre iniziano a non essere un caso".

Un caso che Rabiot abbia fatto una delle migliori gare a due?

"Normale che Rabiot si trovi meglio a due. Con l'Inter ha fatto una partita buona tecnicamente, poi dopo ci sono partite dove per necessità dobbiamo giocare a tre. A volte giocherà bene altre no, l'importante è che la squadra ottenga il risultato".

Juve, Zakaria già esalta in versione Matuidi

Allegri: "Reazione post Inter? Può essercene una solamente..."
Guarda il video
Allegri: "Reazione post Inter? Può essercene una solamente..."

Può essere la partita giusta per Bernardeschi?

"Per lui, per Kean, per Vlahovic. Deve esserlo per tutti perché in questo momento non possiamo scherzare, dobbiamo essere più precisi in fase offensiva".

McKennie può rientrare quest'anno?

"Momentaneamente è ancora che cammina, ancora in ritardo. Speriamo nel giro di un mese possa tornare a disposizione perché mancherebbero ancora 4-5 partite".

Con l'Inter non ha vinto pur meritando, nella sua carriera è stato criticato per aver vinto senza meritare. Ci ha pensato?

"Non ho pensato, ho analizzato la partita. Penso sempre in maniera lucida a quello che sta facendo la squadra quest'anno, credo che ogni squadra arriva nella posizione che merita. Da ora fino alla fine della stagione si può solo migliorare, abbiamo quasi sempre una partita a settimana e possiamo lavorare. Il meritare di vincere è una roba astratta".

Ha senso continuare a insistere su Dybala che è fuori dal progetto?

"In questo mese e mezzo abbiamo tempo per lavorare ma allo stesso tempo abbiamo obiettivi da raggiungere. Tutti i giocatori che ho devono dare il contributo per raggiungere gli obiettivi, indipendentemente che uno rimanga o vada via. Bisogna rimare concentrati. Poi questa roba dei complimenti mi dà fastidio, perché poi si trovano alibi. Non ci devono essere complimenti, solo vittorie".

Allegri, futuro? Prima il presente!

Perché la Juve fatica a fare gol?

"Se guardiamo i numeri di cosa manca... La Juventus negli ultimi tre mesi ha creato molto, poi siamo stati poco precisi nel fare gol. Bisogna essere più efficaci nelle prossime settimane".

Prima dell'Inter pensavate ancora allo scudetto?

"Battendo l'Inter avevi una piccola speranza, però dovevi vincere tutte le partite, che è impossibile. Ora bisogna svoltare e fare più punti possibili, però domani abbiamo una partita complicata perché nel giro di una settimana si rischia di passare da lottare per lo scudetto ad avere la Roma vicina".

Avete rimpianti per la stagione?

"Rimpianti nella vita non se ne devono avere. Siamo quarti e ci meritiamo di essere quarti, abbiamo avuto un'occasione importante con l'inter e non l'abbiamo sfruttata. Il resto è tutta aria fritta. Di cosa si parla? Di niente".

Juve, stop di un mese per Locatelli
Guarda il video
Juve, stop di un mese per Locatelli

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...