Tacconi, parla il figlio: "Segnali incoraggianti, ma serve tempo"

Gli aggiornamenti di Andrea sulle condizioni del padre Stefano, ex portiere della Juve e della Nazionale ricoverato dopo un'emorragia cerebrale: "Dalla Tac esito positivo"
Tacconi, parla il figlio: "Segnali incoraggianti, ma serve tempo"

TORINO - "Ci sono primi segnali incoraggianti. Muove un po' gli occhi e gli arti, ma serve tempo". È Andrea Tacconi ad alimentare le speranze dei tifosi di tutta Italia, in apprensione per le condizioni di Stefano Tacconi che è ricoverato nella struttura di Neurochirurgia dell'ospedale di Alessandria, dove è arrivato in seguito a un'emorragia cerebrale da rottura di un aneurisma.

Le condizioni di Stefano Tacconi: "Gravi ma stazionarie dopo l'emorragia cerebrale"
Guarda il video
Le condizioni di Stefano Tacconi: "Gravi ma stazionarie dopo l'emorragia cerebrale"

Gli ultimi aggiornamenti

"In questo momento è stabile ma in coma farmacologico - ha spiegato ai microfoni della Rai il figlio dell'ex portiere della Juventus e della Nazionale -. Ha fatto una Tac nel pomeriggio e non ci sono particolari problemi. L'emorragia di sabato è stata fermata e adesso dobbiamo attendere la ripresa. Ci sono i primi segnali che sono incoraggianti, muove un po' gli occhi e gli arti, ma serve tempo. Il malore è arrivato dal nulla: è iniziato un mal di testa poi è sceso di macchina ed è caduto a terra". E a fare il tifo per Tacconi, insieme al popolo bianconero (uno striscione gli è stato dedicato ieri al Mapei Stadium durante Sassuolo-Juve), c'è l'Italia intera.

Allegri: "In bocca al lupo a Stefano Tacconi"
Guarda il video
Allegri: "In bocca al lupo a Stefano Tacconi"

Juve, i migliori video

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...