Kean racconta Kean: “Che goduria la doppietta a Sarri, non lo voleva alla Juventus”

Giovanni svela tutto sul fratello Moise: “Dieta e testa, così ha lavorato sui punti deboli. Mi ha detto che Fagioli è un fenomeno”
Kean racconta Kean: “Che goduria la doppietta a Sarri, non lo voleva alla Juventus”© Manuela Viganti/Agenzia Aldo Liverani sas

TORINO - Kean raccontato da Kean. E, allora, tocca fare ordine. Chi viene raccontato è Moise Kean: professione attaccante, classe 2000, volto copertina dell’ultima Juventus pre-Mondiale con cinque reti in tre settimane. Chi racconta, invece, è Giovanni Kean: anche lui attaccante, sette anni più anziano del fratello, un presente nell’area di rigore del Nola in Serie D. «Moise l’ho cresciuto io, nessuno lo conosce meglio – certifica Giovanni, tra le premesse –. Siamo molto legati, anche se ora lontani, visto che sto giocando in Campania. Ma ci sentiamo tutti i giorni. E alla fine di ogni partita».

Ecco, appunto: Giovanni Kean, come ha sentito Moise nelle ultime telefonate post-gara?

«Decisamente sollevato. L’ultimo anno è stato il più difficile della sua carriera: nel percorso di un attaccante è normale che a tratti si segni di più e a tratti di meno, solo che intorno hai chi un minuto ti esalta e quello dopo ti butta giù».

Juventus, guarda Kean che riscopre le sue origini
Guarda il video
Juventus, guarda Kean che riscopre le sue origini

E suo fratello ha faticato ad assorbire questa altalena?

«Sì, anche se credo gli sia comunque servito da lezione. Ero certo che ne sarebbe venuto fuori, perché ha una carattere forte. Ogni tanto la gente si dimentica che è del 2000: è in campo da tanto tempo, ma solo perché aveva esordito già a 16 anni. Moise ha solo bisogno di sentire fiducia intorno a sé, a quel punto riesce a dimostrare quanto vale».

Qual è stata la ricetta per lasciarsi alle spalle le difficoltà?

«Quando tutto gira male, devi individuare i tuoi tuoi punti deboli e cercare delle soluzioni. Così lui ha iniziato a lavorare sulla testa, per aumentare l’asticella della concentrazione. E anche sul peso: ha capito che condurre una vita sana, in tutto e per tutto, ti permette di rendere al massimo del potenziale. Ma attenzione: lui adesso è al 70%, ha ancora ampi margini».

Testa e dieta: così è arrivata la svolta?

«Così, in estate, si è presentato in ritiro un Moise diverso. Allegri è stato il primo a a rendersi conto dei suoi progressi e del fatto che si sia presentato nel pre-campionato con un’altra mentalità rispetto al passato. E anche con una maggiore massa muscolare, appunto. L’ha subito visto diverso da come lo conosceva, anche se poi non sempre la svolta può arrivare al primo colpo».

E cosa ha inciso, allora, per arrivare a un autunno da così grande protagonista?

«Anche gli infortuni nel reparto, naturalmente, che l’hanno aiutato a ritagliarsi spazio. Ma le occasioni, quando capitano, bisogna saperle sfruttare. E per Moise non era scontato, dopo il periodo difficile vissuto, anche se lui è abituato a sorprendere. Come a Parigi: lo davano per spacciato, compresso tra tanti fenomeni, ma ha segnato 17 gol in un anno».

Juve, le pagelle del "campionato di apertura". Attacco: sale Kean, scende Vlahovic
Guarda il video
Juve, le pagelle del "campionato di apertura". Attacco: sale Kean, scende Vlahovic

Juve, i migliori video

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...