Locatelli sulla Juventus, Allegri, De Zerbi e gli idoli d'infanzia

Il centrocampista scuola Milan, arrivato in bianconero dal Sassuolo nell'estate del 2021, si è raccontato in una lunga intervista: tutti i dettagli

TORINO - "C’è stato un periodo in cui non riuscivo più a esprimermi ad alto livello. Ed è stato proprio in quei momenti che gli insegnamenti ricevuti mi hanno aiutato, di testa, a non finire nel tritacarne. Il calcio, del resto, è fatto così: fai bene una domenica e sei il più forte di tutti, fai male un’altra e ti sfondano. E allora tu devi saper mantenere l’equilibrio. Questo è il segreto, per il quale ringrazio mamma e papà". In una lunga intervista concessa a 'La Provincia', Manuel Locatelli, centrocampista scuola Milan passato dal Sassuolo alla Juventus nell'estate del 2021, racconta le tappe principali della propria carriera e il rapporto avuto con i tanti allenatori con cui ha lavorato: "Un pensiero per i principali allenatori che hai avuto? Brocchi è stato quello che mi ha lanciato e quindi è nel mio cuore. Con Montella ho trovato continuità, con Gattuso ho cominciato a non giocare tanto, ma c’erano tante colpe mie. Tra l’altro lui è un mister che sa tirare fuori tutto da un giocatore. Quello al quale ho voluto più bene è De Zerbi che mi ha cambiato la vita. Quanto ad Allegri, lo stimo per le vittorie che ha conseguito in carriera. Ma è il mio attuale allenatore e non mi posso spingere oltre nell’incensarlo. Non sarebbe corretto".

Locatelli: "Scudetto? Abbiamo già parlato troppo"
Guarda il video
Locatelli: "Scudetto? Abbiamo già parlato troppo"

Locatelli sulla Juventus e gli idoli Del Piero e Nedved

"Chi mi conosce sa che sono juventino della nascita, così come il resto della mia famiglia, e mi ricordo che avevo detto a quello che è sempre stato il mio procuratore che un giorno avrei dovuto diventare un giocatore bianconero. Appesi alle pareti della cameretta a Galbiate ci sono ancora i poster dei giocatori bianconeri del tempo. Oggi? È una responsabilità perché so di avere delle potenzialità e so cosa pensa la società di me. È dunque una dimostrazione continua e spero di essere sulla strada giusta. Ho avuto la fortuna - e lo dirò sempre ai miei figli - di aver giocato la mia prima partita con la Juventus in quella che è stata l’ultima volta per Cristiano Ronaldo in bianconero. Gli idoli? Del Piero innanzitutto. Un genio. E pure Nedved, tanto è vero che gli ho fatto vedere quelle foto quando mi sono trasferito a Torino per divenire bianconero", conclude Manuel Locatelli.

Juventus, Locatelli "gladiatore": si allena alla Continassa anche in vacanza

Locatelli-Juve fino al 2027: la dirigenza al lavoro
Guarda il video
Locatelli-Juve fino al 2027: la dirigenza al lavoro

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...