Allegri agli straordinari: il doppio lavoro per la Juventus

Tecnico e mental coach: lo stress dell’inchiesta non deve gravare sui giocatori

TORINO - Non è questo il momento dei discorsi alla Continassa. Non ancora, quantomeno: arriveranno, perché la squadra merita la doverosa chiarezza e la giusta spinta emotiva. Anche se quelle che si vedono al training center bianconero non sono certo le facce di chi è depresso, di chi si arrende o di chi rinuncia, anzi. La Juventus si compatta attorno al suo leader tecnico, Massimiliano Allegri, e si aggrappa alla sua guida, trovando quella forza della serenità che è un marchio di fabbrica del tecnico livornese. Che avrà pure i suoi difetti e sarà criticabile come tutti, ma al quale va reso il merito di saper maneggiare il timone quando la nave affronta la tempesta come pochi nel suo settore. Il tempo dei discorsi arriverà, quando aumenterà il numero dei giocatori alla Continassa: erano circa la metà gli elementi della rosa ad allenarsi nel giorno della ripresa. Una giornata, quella di ieri, in cui il club ha ricordato il compleanno dell’ormai ex presidente Andrea Agnelli con una lettera in cui emergevano riconoscenza e senso di appartenenza: per una curiosa coincidenza del destino, oggi compie gli anni colui che gli succederà alla carica di presidente, Gianluca Ferrero. Nel momento in cui torneranno alla base i reduci dal Mondiale o almeno una parte (perché tra Francia, Argentina e Brasile è probabile che qualcuno arrivi fino in fondo in Qatar), allora Allegri parlerà alla squadra.

Juve, voglia di campo: si torna a correre e Allegri carica
Guarda la gallery
Juve, voglia di campo: si torna a correre e Allegri carica

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...