Tuttosport.com

Lazio, Inzaghi: «Brutta sconfitta, cammino in Europa compromesso»
© Bartoletti
0

Lazio, Inzaghi: «Brutta sconfitta, cammino in Europa compromesso»

L'allenatore dei biancocelesti analizza il ko col Chievo: «La partita è stata segnata dall'espulsione di Milinkovic-Savic»

sabato 20 aprile 2019

ROMA - «Brutta sconfitta che compromette il nostro cammino europeo». L'allenatore della Lazio Simone Inzaghi analizza con amarezza ai microfoni di DAZN la sconfitta interna contro il Chievo e indica anche la strada per ripartire dopo il clamoroso ko contro la formazione di Mimmo Di Carlo: «In questi casi bisogna rimanere lucidi, cercare di preparare in questi giorni la semifinale di Coppa Italia e poi al campionato ci penseremo dopo il ritorno di coppa».

SCONFITTA GRAVE - «Era una partita importantissima per noi. Abbiamo approcciato non bene la partita poi abbiamo commesso una grandissima ingenuità perché con l’espulsione abbiamo compromesso la partita», analizza il tecnico biancoceleste. «Nel secondo tempo - prosegue Inzaghi - abbiamo riapprocciato male la gara, abbiamo preso due gol, poi con la forza d’inerzia l’abbiamo riaperta, abbiamo colpito il palo con Correa che poteva darci il pareggio. Adesso dobbiamo rimanere tranquilli perché abbiamo avuto espulsioni durante la gara, espulsioni dopo, purtroppo in determinati momenti veniamo a mancare. Questa è una partita grave per il nostro cammino».

Lazio-Chievo Verona: tabellino e statistiche

L'EPISODIO CHIAVE - «Negli ultimi due giorni i ragazzi avevano lavorato bene. Il Chievo ha fatto il suo ma la partita è stata segnata dall’espulsione perché fino a quel momento non avevamo fatto granché ma neanche il Chievo. La partita sarebbe stata lunga e avevo dei cambi in panchina da giocarmi a gara in corso e poi siamo stati condizionati anche dagli infortuni che sono arrivati subito».

CAMMINO EUROPEO DIFFICILE - «Il calendario non sarà semplice per noi, avremo delle defezioni però dovremo mantenere la calma, la lucidità perché è una brutta sconfitta che compromette il nostro cammino europeo. In questi casi bisogna rimanere lucidi, cercare di preparare in questi giorni la semifinale di Coppa Italia e poi al campionato ci penseremo dopo il ritorno di coppa. Bisogna subito voltare pagina. E’ difficile perché è un ko pesante, succede anche se non dovrebbe succedere ma dobbiamo voltare pagina, rimanere tranquilli e pensare già a mercoledì dove ci giochiamo tanto della nostra stagione».

SCIOPERO DEI TIFOSI - All'Olimpico si è giocato in un clima surreale visto lo sciopero degli ultras della curva nord della Lazio, un'assenza che si è fatta sentire anche tra i giocatori in campo: «Senz’altro, i nostri tifosi in casa e in trasferta sono sempre un fattore», chiarisce Inzaghi. «C’è stato lo sciopero di cui non conosco i motivi ed è normale che anche non aver la curva al nostro fianco abbia influito pur con le nostre ingenuità», conclude il tecnico dei biancocelesti.

Commenti