Lazio, Immobile: “La chiamata della Juve? Pensavo fosse uno scherzo”

Il bomber biancoceleste torna sul trasferimento in bianconero del 2007: “Me lo disse mio padre, dovevamo andare a Torino e la mia famiglia non aveva mai preso l’aereo. Fu difficile ambientarmi, tutto era frenetico”
Lazio, Immobile: “La chiamata della Juve? Pensavo fosse uno scherzo”

Quando arrivò la Juve pensai fosse uno scherzo”. Ciro Immobile ripercorre le tappe della sua carriera e torna al 2007 quando, a 17 anni, venne acquistato dal club bianconero che lo prelevò dal Sorrento. “Ritrovarti una chiamata del genere è incredibile. Me lo disse mio padre, la mia famiglia nemmeno aveva mai preso l'aereo e dovevamo andare a Torino - ha svelato l’attaccante della Lazio nella diretta Instagram con Damiano ‘Er Faina’ -. Fu molto difficile ambientarmi, ti dovevi subito mettere al livello degli altri e tutto era frenetico. Il primo anno ho fatto fatica, poi gli altri due anni andarono alla grande”.

Immobile e la Juve: "Quando mi hanno chiamato pensavo ad uno scherzo"
Guarda il video
Immobile e la Juve: "Quando mi hanno chiamato pensavo ad uno scherzo"

Immobile: “Il calciatore deve avere testa”

"Subito dopo sono andato a Siena, ero giovane e la squadra era molto forte. Ho sofferto il salto di categoria ma mi ha aiutato tanto. Quando sono andato a Grosseto invece ho imparato tante cose che poi mi sono ritrovato a Pescara. Devi stringere i denti quando va male, anche col Genoa non fu facile ma poi andò bene a Torino. Sono step necessari per crescere. Il calciatore deve avere testa, nell'intera carriera non può andare sempre come tu vuoi. In quel momento si vede se puoi fare veramente il giocatore o no. Nei momenti complicati non devi mai pensare di non essere all'altezza”.

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...