Lazio, Inzaghi: "Peccato per il quarto posto. Lite finale? Tutto è finito lì"

0

Il tecnico biancoceleste ha parlato dopo la sconfitta contro il Napoli: "Volevamo arrivare terzi. Con Rino scambio di vedute in panchina"

Lazio, Inzaghi:
© Getty Images
sabato 1 agosto 2020

NAPOLI - La Lazio perde a Napoli e arriva quarta in campionato. Nessun sorpasso sull'Atalanta, al San Paolo fa festa il Napoli per 3-1. Immobile fa 36 in campionato ed eguaglia il record di Higuain, ma non basta. Il tecnico Simone Inzaghi, ai microfoni di Sky Sport, ha commentato nel post partita: "Non volevamo finire quarti, sapevamo che l’Atalanta era sotto. Non volevamo perdere, c’è poco da dire. Nel finale c’era nervosismo, ora è tutto tranquillo. Il quarto posto? Potevamo far meglio visto il nostro cammino prima della sosta".

Inzaghi e il futuro

“Sarà difficile confermarci, quest’anno abbiamo lasciato dietro Milan, Napoli e Roma, avversarie attrezzate. Sono 4 anni che stiamo insieme, ci dobbiamo migliorare e fare un bel cammino in Champions League. Il battibecco con Gattuso? Non ci siamo visti, ma non c’è problema. Capitano questi scambi di vedute in panchina, senza pubblico si sentono le voci tra i collaboratori. Tutto poi finisce lì. Il contratto? Dovevamo finire la stagione, ora ci sarà tempo per parlarne. Venivamo da tre vittorie consecutive, eravamo tornati ad essere squadra. Potevamo fare meglio, anche se il Napoli è una grandissima squadra agli ottavi di Champions. Nella ripresa dovevamo entrare meglio. Ci incontreremo con Tare e Lotito con molta tranquillità. Nella settimana di Bergamo sono andato lì senza 5 titolari. Normale che poi qualche problema lo accusi. Con l’Atalanta, con quell’impatto fisico, abbiamo sofferto senza ricambi per rialzare la squadra. Senza Marusic ad esempio, che per noi è determinante, lo abbiamo visto in queste ultime partite. Il rammarico? Non potermela essere giocata sino alla fine con tutti i giocatori".

Caricamento...