Tuttosport.com

Milan, sprofondo Piatek: ancora a secco di gol
© LAPRESSE
0

Milan, sprofondo Piatek: ancora a secco di gol

Nel 2018 l'attaccante polacco si presentava al via del campionato dopo aver segnato 13 reti in amichevole e 4 in Coppa Italia

lunedì 19 agosto 2019

MILANO - Perso anche l’ultimo treno a Cesena, Krzysztof Piatek si presenterà al via del campionato, domenica prossima a Udine, senza essere ancora riuscito a realizzare nemmeno un gol. E, quindi, presumibilmente, con un bel fardello sulle spalle, da cercare di togliersi il più presto possibile. Alla luce di questa situazione del tutto imprevista, non può non venire alla mente la differenza abissale, quasi imbarazzante, tra il precampionato dello scorso anno, quando pure era appena arrivato in Italia, alle prese con tutte le difficoltà del caso (nuovo ambiente, nuova lingua, nuova squadra, nuovi compagni). E invece fin dalle sue prime esibizioni, Piatek segnò a raffica: 5 gol nel primo test contro una squadra di dilettanti, tre contro un’altra formazione di “dopolavoristi” ma anche due gol al Cuneo e altrettanti all’Albisola, squadre di serie C, e a segno anche contro il Swansea. Soltanto contro lo Zenith e il Montpellier, Piatek rimase a secco, salvo poi scatenarsi di nuovo in Coppa Italia, con quel famoso poker al Lecce che lo fece conoscere a tutti gli appassionati. Diciassette reti complessive, tra amichevoli e Coppa Italia, rappresentarono allora il biglietto da visita con il quale Piatek si presentò al via del campionato, dove peraltro proseguì la sua striscia positiva, segnando subito all’esordio in serie A e consolidando le sue doti con una doppietta nella seconda gara di campionato.

Controtendenza

Che effetto vedere adesso il polacco ancora fermo a quota zero: certo, il Milan ha affrontato avversari di caratura differente, rispetto al Genoa di un anno fa. Ma comunque tra Novara, Benfica, Manchester United, Bayern Monaco, Feronikeli e Cesena, un bomber che aspira a dire nuovamente la sua nella classifica dei marcatori (l’anno scorso si è dovuto accontentare del terzo posto, dietro Quagliarella e Zapata, ma con una rete in più di Cristiano Ronaldo) non può non realizzare nemmeno una rete.

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna di Tuttosport

Milan piatek

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...