Tuttosport.com

Milan, Giampaolo:
© LAPRESSE
0

Milan, Giampaolo: "Correa? Non lo conosco. Piatek sarà il rigorista"

Le parole del tecnico dei rossoneri alla vigilia della trasferta contro l'Udinese: "Suso? Sono felice che resti. Sono in un ambiente straordinario"

sabato 24 agosto 2019

TORINO - "Domani il Milan deve essere competitivo, aldilà dei miei step di lavoro. Le partite si giocano anche sulla voglia di vincere". Così Marco Giampaolo, allenatore del Milan, nel corso della conferenza stampa alla vigilia dell'esordio in campionato contro l'Udinese. "Domani gioca chi sta meglio, di alcuni non conosco nemmeno la condizione come per Bennacer. Magari lui potrebbe giocare uno spezzone, ma domani vado con chi mi da più garanzie", ha aggiunto. "Ci sarà tempo per inserire tutti gli altri, perchè dobbiamo portarli nel progetto e romperò le scatole alla squadra per questo", ha dichiarato. "Gli ultimi arrivati sono un po' indietro, chi c'era già stanno lavorando bene. Con i ragazzi con cui abbiamo cominciato l'avventura abbiamo lavorato sui dettagli", ha spiegato ancora Giampaolo. "Sono in un ambiente straordinario, con una struttura eccellente. Con i calciatori c'è un buon feeling, sento molto calore intorno alla squadra", ha proseguito il tecnico rossonero. Parlando sempre della sua filosofia di lavoro, Giampaolo ha dichiarato: "Adoro chi lavora con passione e dedizione, sono sicuro che possono sempre tirare fuori qualcosa. Sono quelli che fanno crescere il livello di una squadra. Essere al Milan deve essere un privilegio per tutti". Capitolo infortunati. "Mi è dispiaciuto perdere Lucas (Biglia, ndr), stava facendo bene, mi piace l'uomo e il calciatore. Theo Hernandez spero possa riprendere a breve, lo stesso Reina. Bonaventura lo stiamo reinserendo piano piano", ha detto. Poi il tecnico ha annunciato che quest'anno "il rigorista è Piatek".

Giampaolo su Suso, Correa e Andre Silva

"Su Suso ho espresso un parere tecnico e mi limito a quello, poi il calcio non è solo questo. Avevo qualche dubbio che potesse giocare lì (come trequartista, ndr), ma il calciatore mi ha dato grande disponibilità e gli ho visto anche fare cose egregie". Così Giampaolo nel corso della conferenza stampa. "I giocatori forti possono giocare ovunque, sono felice che resti ma il mercato ancora non è chiuso e può succedere di tutto", ha aggiunto. "Correa? Non lo conosco, non so" sulle voci di mercato sull'attaccante dell'Atletico Madrid. "Non sto dietro al mercato, perchè se no si entra in un tritacarne", ha dichiarato ancora il tecnico rossonero. Su Andre Silva, invece, ha detto: "Ad oggi è un giocatore del Milan, è condizionato dalle voci di mercato ma io ci conto. Poi si vedrà, non so cosa accadrà. Ma confido molto nella serietà professionale di ogni calciatore".

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...