Caso Ibra-Fifa 21, interviene anche Raiola: "Vogliamo risposte"

L'agente del bomber del Milan incalza EA a causa del controverso utilizzo del nome del calciatore per il celebre videogioco

Caso Ibra-Fifa 21, interviene anche Raiola: "Vogliamo risposte"© Daniele Buffa/Image Sport

TORINO - Anche Mino Raiola, agente di Zlatan Ibrahimovic, interviene nella querelle che vede l'attaccante del Milan accusare EA (Electronics Arts) di aver usato la sua immagine e il suo nome per il videogioco Fifa 21, senza però le necessarie autorizzazioni. "Speriamo di avere una risposta alla nostra lettera subito", scrive Raiola su Twitter, ripubblicando lo sfogo social di Ibrahimovic di ieri.

Lo sfogo di Ibrahimovic

Lo svedese, sul proprio account, aveva scritto: "Chi ha autorizzato FIFA EA Sport a usare il mio nome e il mio viso? FIFPro? Non sono al corrente di essere un membro FIFPro, e se lo sono, sono stato registrato senza essere stato effettivamente informato, in modo dubbio. E una cosa è certa, non ho mai permesso a FIFA o FIFPro di fare soldi con me". Dall'entourage di Ibra è evidentemente partita una lettera di diffida per EA, con l'invito a chiarire la situazione in tempi brevissimi.

Milan, Ibrahimovic ha una lesione al bicipite femorale
Guarda il video
Milan, Ibrahimovic ha una lesione al bicipite femorale

Milan, i migliori video

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti