Tuttosport.com

Napoli, Mertens:
© piccirillo
0

Napoli, Mertens: "Sarri mi faceva arrabbiare. E' andata meglio con la cessione di Higuain"

L'attaccante belga ha parlato anche del suo futuro: "Non so dove giocherò la prossima stagione"

mercoledì 2 ottobre 2019

TORINO - "Anderlecht? Non penso che terminerò la mia carriera in Belgio. Non so ancora quale sarà il mio futuro" ha dichiarato Dries Mertens in un'intervista rilasciata al portale belga Voetbal Sport/magazine. L'attaccante del Napoli si è soffermato sul futuro e sul rinnovo del contratto, spiegando: "Il mio obiettivo è fare una buonissima stagione con il Napoli, poi si vedrà, manca ancora tempo alla fine della stagione". Mertens, poi, ancora sul prolungamento del contratto con il club di De Laurentiis, ha dichiarato: "Col Napoli ho ancora sette mesi di contratto, non so dove giocherò la prossima stagione. Alla fine della stagione valuterò se rinnovare il mio contratto, ma al momento è ancora presto, non mi sento di escludere nulla". 

Mertens e il rapporto difficile con Sarri

Il belga racconta i problemi avuti negli anni napoletani di Maurizio Sarri: "Sarri spesso mi ha fatto arrabbiare. Parlavo con lui quando non avevo continuità e mi chiedeva di capire le sue scelte. Un giorno - le parole di Mertens - contro la Samp avevo deciso che avrei giocato male di proposito, ma Sarri mi conosceva, sapeva che non l'avrei fatto e aveva ragione. Dopo non sono più uscito dal campo. Sarri mi diceva che gli dispiaceva di mettermi in panchina ma che se un giorno fossi diventato allenatore l'avrei capito. Per lui ero l'unico in quel ruolo di jolly ma ho vissuto momenti difficili. Poi, dopo la partenza di Higuain, ho fatto quello che volevo fare, ero meno frustrato per come andavano le cose".

Caricamento...