Napoli, l'ex Zuniga: "Per Sarri fui un fantasma. Mazzarri mi insegnò tanto"

Il colombiano: "Avevamo un grande gruppo, non vedevamo l’ora di andare a Castel Volturno per gli allenamenti. Cavani? Se decidesse di tornare in azzurro sarebbe bellissimo. Lavezzi? Ora mi pare Babbo Natale..."
Napoli, l'ex Zuniga: "Per Sarri fui un fantasma. Mazzarri mi insegnò tanto"© MOSCA

NAPOLI - Juan Camilo Zuniga, per anni punto di forza del Napoli, intervistato da Napoli Magazine ha raccontato la sua avventura sotto al Vesuvio: “Mi sento un colombiano napoletano grazie ai tanti bei ricordi che mi legano alla città. Come faccio a dimenticare amici e tifosi? Sono sempre nel mio cuore. Di gol in azzurro non ne ho fatti tantissimi ma sono tutti belli: quello all’Inter che ci permise di tornare in Champions dopo tantissimi anni di sicuro è il più importante". Un'altra colonna del Napoli di quegli anni era Ezequiel Lavezzi: "Certo che lo sento ancora, mamma mia ma quanto è diventato vecchio, sembra Babbo Natale con quel barbone... Di quel grandissimo gruppo ricorderò sempre l’amicizia che ci legava: non vedevamo l’ora di andare a Castel Volturno per gli allenamenti".

Hysaj vuole lasciare il Napoli
Guarda il video
Hysaj vuole lasciare il Napoli

Arriva poi il momento di parlare dei tecnici: "Mazzarri, nonostante la mie resistenze, mi ha insegnato tanto e lo dovrò ringraziare in eterno, soprattutto mi mise a sinistra facendomi diventare uno dei migliori in campionato. Non è stato facile per niente, visto che con la Colombia giocavo a destra, ma ha avuto ragione ed io alla fine ho fatto bene entrambe le fasce. Finta 'alla Zuniga’? Mi fa piacere aver lasciato il segno in qualcosa. Quando è arrivato Benitez non ho avuto alcuna difficoltà perché ero già abituato alla difesa a 4 con la Colombia". Per Zuniga il declino è arrivato con l'avvento in panchina di Sarri: "Mi sono sentito un po’ un fantasma perché non mi ha mai detto nulla, ancora non capisco cosa sia successo. Armero? Io e lui siamo come fratelli, abbiamo condiviso prima la maglia della Nazionale e poi del Napoli, è una persona unica, un vero personaggio. Cavani? Se decidesse di tornare al Napoli sarebbe una cosa molto bella: i tifosi lo amano e avrebbe la fiducia di tutti".

Mertens non ha ancora deciso sul suo futuro
Guarda il video
Mertens non ha ancora deciso sul suo futuro

"Ho sempre detto che quando avrei lasciato il calcio l’avrei fatto del tutto e così è stato. Ora posso dedicarmi alla mia famiglia: abbiamo una fondazione per dare una chance a tanti ragazzi, oltre a una scuola calcio visto che mi piace scovare talenti. Credo che chi ha avuto di più deve fare qualcosa per i più deboli. Il Napoli resta una grande squadra, è stata molto vicina allo scudetto, anche noi potevamo farcela ma non ci risucimmo, purtroppo". Il colombiano ha un messaggio per i tifosi azzurri: "Non ho mai dato priorità ai soldi perché se fosse stato così, oggi, nonostante gli acciacchi, giocherei ancora. Anzi, se tornassi indietro di dieci anni preferirei giocare ancora e guadagnare meno, anziché essere costretto a smettere a causa degli infortuni. Se c’è un gruppo importante, se sei contento di lavorare dove sei e con chi sei, se hai un bel rapporto con la società, Napoli è l’ideale perché la città ama il calcio e i calciatori azzurri". Chiusura sull'emergenza coronavirus: "Speriamo che questa pandemia passi il prima possibile, qui in Colombia per fortuna la situazione non è drammatica come in Italia, ma posso capire cosa stiate provando”.

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...