Rino Marchesi: "Maradona è sempre con noi. Inter-Napoli? Tifo azzurri"

L'ex tecnico partenopeo: "Diego era molto generoso, con lui mettemmo le basi per la squadra che sarebbe venuta dopo. In campo si divertiva, con Bagni non si trattò di un litigio"

Rino Marchesi: "Maradona è sempre con noi. Inter-Napoli? Tifo azzurri"© AG ALDO LIVERANI SAS

NAPOLI - Rino Marchesi, allenatore che in carriera ha guidato tantissime squadre di calcio, a Radio Marte ha esposto le sue idee riguardo alla Serie A, giunta alla dodicesima giornata: "E' un torneo particolarmente interessante, al di là della mancanza di pubblico, ci sono tante squadre che lottano per lo Scudetto". Marchesi, 83 anni, si emoziona parlando di Diego Armando Maradona, che lui allenò nella stagione '84-85: "Quando lo incontrai, mi disse che si sarebbe messo a disposizione. Ero venuto a salvare il Napoli, ci siamo riusciti e abbiamo ricostruito con lui, Bagni, Ferrara, Cafarelli. In quella stagione mettemmo i presupposti per la formazione degli anni a venire. Quando i dirigenti mi dissero che intendevano prendere Maradona, non ci volevo credere ma mi dissero che ce l'avrebbero fatta e così fu, lo acquistarono all'ultimo giorno di mercato. Diego era un ragazzo molto generoso, insegnava ai più giovani, non si lamentò mai di nulla perché sapeva che quella squadra puntava al futuro. Sul campo si divertiva".

Cristiano Ronaldo nel dream team di sempre: ci sono anche Maldini e Maradona
Guarda la gallery
Cristiano Ronaldo nel dream team di sempre: ci sono anche Maldini e Maradona

Si parla poi di Vietri sul mare: "Siamo stati una settimana in ritiro, venne a trovarci anche Ferlaino e ci chiarimmo le idee. Era un periodo in cui i compagni di Diego a volte non gli passavano la palla perché lo vedevano coperto, lui però era bravo a tenerlo. Litigio tra Bagni e Maradona? Era un chiarimento, tra l'altro Bagni lo ha poi accudito per anni". Sulla scomparsa del Pibe de Oro: "Mi ha fatto un po' pena vederlo morire così, ma lui è sempre con noi. La percezione che fosse il più forte di tutti? Aveva già con grandi credenziali, dopo l'infortunio alla caviglia si presentò da noi con tantissima voglia di ben figurare".

Lozano e Petagna ribaltano la Sampdoria: festa Napoli al Maradona
Guarda la gallery
Lozano e Petagna ribaltano la Sampdoria: festa Napoli al Maradona

Marchesi non sa se Diego avrebbe potuto evitare cattive compagnie in quel periodo: "Quando c'era il suo vecchio procuratore lo seguiva giorno e notte, non so poi dopo cosa sia successo". Chiusura su Inter-Napoli, big match di stasera: "Sono due squadre che si equivalgono, l'esito dipenderà da ciò che riusciranno a fare in attacco. Il Napoli forse è più organizzato dietro. Gattuso mi piace, la sua grinta e le sue idee gli consentono di comportarsi bene. Il mio cuore stasera? Sicuramente con il Napoli".

Commenti