Agostini avvisa il Napoli: "Sullo scudetto peserà la Coppa d'Africa"

L'ex centravanti partenopeo parla soprattutto delle assenze di Osimhen e Anguissa a gennaio: "Si faranno sentire"
Agostini avvisa il Napoli: "Sullo scudetto peserà la Coppa d'Africa"© www.imagephotoagency.it

NAPOLI - Massimo Agostini, ex attaccante tra le altre anche del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista a Napoli Magazine, analizzando nel dettaglio il momento dei partenopei e non solo. Per la lotta scudetto, secondo l'opinione dell'ex centravanti, peserà tanto la Coppa d'Africa di gennaio: "Il mio pensiero su Osimhen e Anguissa - sottolinea l'ex centravanti - è più che positivo. Osimhen sta dimostrando il suo valore. Anguissa è forte, è stato un investimento azzeccato: le loro assenze per la Coppa d'Africa saranno molto pesanti. Mertens, Petagna e Demme sono delle buone alternative. Se tra i pali continua ad esserci Ospina significa che offre più fiducia a Spalletti. Meret resta comunque un titolare, perché è bravo: ma è il mister che è chiamato a fare le scelte. Fabian Ruiz è cresciuto molto già l'anno scorso, si è consacrato con Spalletti, sta dando delle risposte importanti, garantisce qualità con le sue giocate. Quando calcia negli ultimi 25 metri fa male, vede la porta benissimo. Politano? Sembra che non fa mai fatica nella corsa e nelle movenze, vedremo se Spalletti lo farà rifiatare alternandolo con Lozano oppure no. Il messicano in questo momento è un po' più discontinuo". Così come Zielinski: "Spalletti avrebbe potuto anticipare qualche cambio - spiega Agostini riferendosi all'ultimo turno di campionato - ma l'allenatore è in panchina e segue l'andamento della partita. Evidentemente gli ingressi di Mertens e Ounas gli sono sembrati più giusti in quel momento, che in precedenza. Lozano e Zielinski stanno avendo un rendimento a fasi alterne. Zielinski, nella scorsa stagione, finì in crescendo. È un diesel. Parliamo di un giocatore di qualità che può sempre inventarsi la giocata giusta per risolvere la partita. Lozano, quando viene schierato, non si tira mai indietro, anche quando entra a gara in corso può spaccare la partita e risolverla. Bisogna stare tranquilli e lasciare che trovino la forma giusta per rendere di più. Senza Koulibaly, in difesa, si nota la mancanza di un punto di riferimento importante. Penso però che Juan Jesus e Rrahmani stiano facendo il loro dovere. Non è facile sostituire Koulibaly. Mario Rui potrebbe fare meno errori, evitando alcune incertezze perché é un calciatore esperto. A volte viene anticipato o è in ritardo, ma resta un difensore affidabile".

Il Verona ferma anche il Napoli: solo 1-1 per Spalletti al Maradona
Guarda la gallery
Il Verona ferma anche il Napoli: solo 1-1 per Spalletti al Maradona

"Insigne? Rinnoverà per 5 anni"

A tenere banco in casa azzurra è anche la vicenda legata al rinnovo di Lorenzo Insigne. Alla fine, secondo Agostini, tutto si risolverà: "Secondo me la situazione non è così grave come viene definita - assicura l'ex attaccante azzurro - firmerà il rinnovo. Penso che sia improbabile che possa guadagnare di meno dovranno mettersi d'accordo per non far perdere soldi a Insigne e alla società. Credo che Insigne firmerà il rinnovo del contratto di cinque anni per una cifra adeguata, non penso che percepirà la metà di quanto prende ora. Ci sarà un adeguamento, magari perderà qualcosa ma non ci andrà a perdere complessivamente perché comunque parliamo di cinque anni di contratto, che non sono pochi". Poi l'attenzione si sposta di nuovo sulla lotta per lo scudetto: "In testa alla classifica - è l'analisi di Agostini - non è cambiato niente. Va detto che il Napoli ha avuto la chance di staccarsi di due punti dal Milan, consci dell'incertezza di come sarebbe potuto finire il derby con i nerazzurri, e non ci è riuscito. Un punto è sempre guadagnato, considerando com'è andata la sfida col Verona. Sono rimasti 7 punti di vantaggio sull'Inter, che non sono pochi: per ora va bene così. Contro il Verona parecchie squadre hanno perso dei punti. Se continua così, anche altre formazioni perderanno contro gli scaligeri. Lo stesso Milan ha fatto fatica. Inter-Napoli e Napoli-Lazio sono partite estremamente delicate e importanti, come pure Fiorentina-Milan e Milan-Sassuolo: dovranno tenere tutti alta la concentrazione per non lasciare punti per strada. Le prossime saranno due giornate interessanti, in cui sarà fondamentale non ridurre il distacco dalle inseguitrici".

Taglialatela in vista al Museo del Calcio Andrea Fortunato
Guarda la gallery
Taglialatela in vista al Museo del Calcio Andrea Fortunato

"Var? Servono giudizi uniformi per diminuire gli errori"

Ai tempi di Agostini la VAR non c'era. Ma la novità deve ancora essere ben assimilata dal calcio di oggi: "L'arbitraggio di Ayroldi - analizza l'ex centravanti- è stato discutibile, ma in questo periodo ciò che fa o non fa il VAR è sempre oggetto di riflessioni e considerazioni. In altre partite non sono stati fischiati falli o sono stati rivisti dal VAR, e negati poi dall'arbitro. Serve un giudizio uniforme, senza troppi fronzoli. La VAR è importante per il fuorigioco, ma adesso deve diventare importante anche in area di rigore. I giudizi devono essere uguali, se vogliamo risolvere o diminuire gli errori". Altra novità, introdotta la scorsa stagione, è rappresentata dalle cinque sostituzioni: "I cinque cambi faranno la differenza - assicura l'ex attaccante - nella lotta Champions e nella lotta scudetto: chi li sfrutterà meglio, puntando sulla qualità, avrà i maggiori benefici. Per un allenatore rappresentano una carta importante, sia quando sei sotto che se sei in vantaggio, permettono di gestire meglio la partita".

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...