Ferrero: "Gli stadi possono aprire al 30%. Non si muore di Coronavirus"

"La bolla per la Serie A? Non ci inventiamo cose che non esistono. Gli scienziati sanno dove possono metterseli i tamponi"

© Claudio Zamagni

GENOVA - "Di Coronavirus non si muore, rispettiamo la malattia ma non enfatizziamo. Gli scienziati vanno in televisione e ognuno dice qualcosa di diverso. Il tampone? Gli scienziati possono metterselo da qualche altra parte". Questa mattina il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, ha parlato a The Breakfast Club, in onda su Radio Capital, per parlare della situazione stadi. Il numero uno dei blucerchiati ha poi aggiunto: "La bolla per la Serie A? Non ci inventiamo cose che non esistono. Gli stadi possono restare aperti al 30%. L'incertezza uccide le menti delle persone. Tra un po' chiuderemo gli ospedali per il corpo e riempiremo quelli per la testa. Io sono stato costretto a chiudere i cinema, ora tutti questi problemi con il calcio. Così fermano la vita". Infine, l'imprenditore romano ha fatto chiarezza sulla sua possibile candidatura a sindaco di Roma: "Io non mi candido, non sono all'altezza. Roma è una bella Lambretta che ha bisogno di manutenzione. Buche, alberi che cadono Ammiro Virginia Raggi, è una donna meravigliosa e una bella ragazza. Ci vuole coraggio a fare il sindaco di Roma. Lei sta finendo male ma ha iniziato bene".

Commenti