Sassuolo, De Zerbi: "Abbiamo pagato l'inferiorità numerica"

Il tecnico: "Dopo l'espulsione è cambiata nettamente la partita. A livello di regolamento ci sta, ma va capito se il varista o l’arbitro di oggi ha mai giocato a calcio"

Sassuolo, De Zerbi: "Abbiamo pagato l'inferiorità numerica"© ANSA

REGGIO EMILIA - "Meritavamo il vantaggio, abbiamo pagato l'inferiorità numerica e la scarsa condizione di chi non è sceso troppo spesso in campo. Avevo scelte forzate, ma se fossimo rimasti in 11 avremmo condotto la partita come nel primo tempo". Lo ha dichiarato Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ai microfoni della Rai, dopo la gara di Coppa Italia con la Spal: "Dopo l'espulsione è cambiata nettamente la partita. A livello di regolamento ci sta, ma va capito se il varista o l’arbitro di oggi ha mai giocato a calcio. Certamente in 10 potevamo fare qualcosa in più ma se senza gente pronta per giocare c’è poco da fare. Boga e le voci di mercato? Credo che sia solo questione fisica. Se gli manca la voglia lo ribalto. Credo che non sia molto ispirato ma mi auguro che sia solo stanchezza: può essere rimasto scosso dal mercato. Ma se fosse così, deve tornare sulla terra anche perché se ieri era un fuoriclasse un domani diventerà scarso. Questo è il calcio moderno: ne deve prendere atto. Locatelli e Berardi? Credo che abbiamo fatto il salto di qualità, ma devono confermarlo ogni domenica. Soprattutto in nazionale c'è una concorrenza folta: se non spigngono i questi ultimi mesi perdono quello che hanno conquistato”.

Il Sassuolo di De Zerbi saluta la Coppa Italia. Missiroli e Dickmann trascinano la Spal
Guarda la gallery
Il Sassuolo di De Zerbi saluta la Coppa Italia. Missiroli e Dickmann trascinano la Spal

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti