Tuttosport.com

Un grande Baselli replica a Bacca: Toro-Milan finisce 1-1
© Marco Canoniero

Un grande Baselli replica a Bacca: Toro-Milan finisce 1-1

All'Olimpico finisce in parità e si decide tutto nella ripresatwitta

sabato 17 ottobre 2015

 Elvira Erbì

TORINO - Pari e patta tra Toro e Milan. Con brividi finali. Dopo un primo tempo senza grandi occasioni, colpisce Bacca appena entrato su assist di Bertolacci. La squadra di Ventura ha la prima chance al 25’ della ripresa con Baselli, ma Diego Lopez manda in angolo. E’ il massimo sforzo per riprendere il match. E Belotti, dopo aver sostituito Zappacosta, serve Baselli di spalla: 1-1. Quarto gol dell’ex Atalanta. Da record. A quel punto il Toro prova a vincerla con Maxi Lopez e inanella angoli. C’è foga, non precisione. E allora finisce in pareggio, come da cliché perché i granata non battono i rossoneri da 14 anni. Poteva forse fare qualcosa di più la truppa di casa, ma di solito si accende quando va sotto e anche questa volta è stato così. E nell’emergenza un pari ci sta, anche se nel finale avrebbe meritato qualcosa in più. Grande Baselli. Un importante recupero sulla strada dei sogni. Mihajlovic, invece, respira. E abbraccia Ventura.



LE SCELTE - Ventura punta su Baselli sin dall’inizio (è reduce dal problema al ginocchio accusato contro il Palermo), piazza Gazzi al centro e Acquah a destra, perché Benassi non supera il provino. Davanti la super coppia Quagliarella-Maxi Lopez. Mihajlovic rispolvera l’ex granata Cerci, voglioso di far vedere che vale qualcosa più della panchina perenne. In attacco c’è Luiz Adriano.

L’ATMOSFERA - All’interno dell’Olimpico è spettacolo sugli spalti, con il pienone e la grande accoglienza dei tifosi granata alla squadra di Ventura. Una giornata speciale, cominciata con la posa della prima pietra del nuovo Filadelfia e poi via con il big match contro i rossoneri per continuare a respirare l’aria dell’alta classifica. I supporter del Diavolo avvisano: «Siete già all’ultima spiaggia». Mentre il presidente Urbano Cairo conferma per l’ennesima volta il tecnico: «Il rinnovo di Ventura? Non abbiamo ancora parlato con lui di questo argomento, abbiamo un contratto fino a fine stagione e non ci sarà nessun problema per trovare un nuovo accordo. Il rapporto con l’allenatore è di grande sintonia».


EQUILIBRIO - Il Milan prende l’iniziativa, da subito. Nella pressione, Padelli sbaglia un rinvio. La gara è dura e i falli si susseguono. Il Toro replica con foga. Maxi Lopez fa impazzire Alex, ma è nulla di fatto. Baselli al 20’ abbraccia troppo Cerci e si prende il giallo: è un bel duello da quella parte. Al 24’ la grande occasione del Milan: tiro di Montolivo e Padelli para bene. E’ la prima vera chance per segnare. Ventura chiede a Molinaro di non mollare Cerci neppure per un istante: è il segnale che con l’ex si soffre. E dall’altra parte soffre Bovo su Bonaventura. Che su calcio di punizione dà l’illusione del gol ai suoi tifosi (prende la rete esterna). Al 42’  l’ammonizione ai granata: Glik  interviene con Gazzi su Bonaventura e probabilmente il polacco manco lo tocca… Subito dopo calcio piazzato di Alex fuori misura con Mihajlovic inviperito con il brasiliano («Le punizioni non si battono così…», detto da uno specialista come il serbo). Ventura è furioso per un fallo su Baselli non fischiato da Gervasoni. E il Toro era in attacco.

BACCA-BASELLI GOL - Tra il primo e secondo tempo si scalda Vives per prendere il posto di Gazzi che non ce la fa dopo una botta. Nella ripresa c’è di nuovo il Milan in controllo del match.  Il Toro ha il baricentro troppo basso e Quagliarella si arrabbia. L’arbitro Gervasoni, intanto, continua a prendersi fischi per la gestione dei falli e dei cartellini: non ci capisce granché. Bacca subentra all’inutile Luiz Adriano. L’impressione è che nessuna delle due squadre voglia perdere e tra i granata si sente l’assenza di Bruno Peres, lo spacca partite. Al 18’ Bonaventura è atterrato in aerea e il direttore di gara lascia correre. Poi il colombiano Bacca, servito da Bertolacci, colpisce, solo soletto ha pure il tempo di controllare e superare Padelli. Al primo pallone è devastante. E rischia il bis dopo pochi secondi, pensando di essere in fuorigioco (ma non fischiato per l’ira del portiere granata in uscita). Al 23’ sale Glik, ma Romagnoli lo anticipa. Baselli da brividi al 25’ con Diego Lopez in angolo. E’ un altro Toro quello che deve riprendere il match. Quasi un classico. Belotti prende il posto di Zappacosta e c’è il tridente davanti. Il 4-3-3 scatena Baselli con lo zampino del Gallo di spalla ed è 1-1. Quarta rete per Daniele in campionato, quinto in stagione, davvero un impatto devastante. Adesso la sfida è apertissima. E Belotti costringe Romagnoli al fallo (e al giallo). Fuori Quaglia per Benassi e il Toro si rimette in equilibrio. Contropiede Toro al 37’ con Acquah che lancia Maxi Lopez: tiro sul primo palo e il portiere rossonero non si fa sorprendere. Il ghanese ci prova con tiro deviato. Tutte e due le squadre cercano il successo, a questo punto. Al 40’ Maxi chiede fallo di mano di Alex in area in scivolata e il tiro al volo di Benassi è alle stelle. Ancora un numero di Baselli al 43’, ma la palla esce. Cerci si becca una valanga di fischi all’uscita (dentro Honda). Ci sono ancora schermaglie, fino all’ultimo istante. Anche il Milan tenta il colpaccio. Gervasoni non fischia fallo ad Abate su Belotti lanciato da Lopez. Ventura è una furia. Ma finisce così. Pari in a casa dopo tre vittorie. Un pari che va bene dopo la sconfitta col Carpi.

 

Tags: TorinoMilan

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti