Tuttosport.com

Debrecen-Torino, le pagelle: Ansaldi e Berenguer da manuale
0

Debrecen-Torino, le pagelle: Ansaldi e Berenguer da manuale

Baselli è fermato soltanto dal ko, Sirigu tre grandissime parate e incolpevole sul gol. Zaza vivo e pimpante, Belotti resta un punto di riferimento per i compagni e un marcatore implacabile

dal nostro inviato Camillo Forte venerdì 2 agosto 2019

DEBRECEN - Ecco le pagelle del Torino dopo il successo per 4-1 in casa del Debrecen.

Izzo, esplosivo nelle gambe: decisamente in palla

TORINO
SIRIGU 7.5

Tre grandissime parate: una all’inizio ripresa e l’altra ad un quarto d’ora dalla fine. I grandi portieri sono questi: inoperosi per tutta la partita (primo tempo) e decisivi nelle poche conclusioni pericolose degli avversari. Incolpevole sul gol, nato da un fallo di mano non visto dall’arbitro.

IZZO 7
Esplosivo nelle gambe, decisamente in palla. Vince anche i rimpalli, chiude sull’attaccante più vicino senza particolari problemi. Una partita internazionale che gli serve per migliorare ancora di più la sua condizione fi sica. Trova addirittura il tempo per segnare la rete del 2-0. Singo (38' st) ng.

NKOULOU 7
All’inizio commette un errore che per poco non si trasforma in grande occasione per gli avversari. Dopo questo incidente di percorso, mette la testa a posto nel senso che gioca concentrato. E non sbaglia più un colpo. Oltre alla fase difensiva è bello vederlo in quella di costruzione: la sua tecnica gli permette di servire palloni come fanno i trequartisti.

BREMER 7
Continua a stupire e a crescere. Ha fermato di piatto un paio di palloni lunghi con grande tranquillità. Vede i compagni smarcati, capisce i movimenti di Nkoulou e Izzo, tatticamente non scopre mai la sua zona. Se continua così sarà difficile strappargli il posto anche se con la stagione lunga ci sarà spazio e gloria per tutti.

DE SILVESTRI 7
Ha spinto ma con grande attenzione. All’inizio, soprattutto, quando non bisognava prendere gol per non complicarsi la vita. Un giocatore che ha il fiato per attaccare e tornare a difendere. Addirittura per inseguire gli avversari nelle palle lunghe. Sulla sua corsia è una sicurezza. Nell’occasione fa pochi cross, preferisce gestire il pallone in maniera diversa. Infatti il gol di Zaza nasce dal centro.

Torino Europa League Debrecen

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...