“Già a maggio trattavo Dzeko”. La ‘confessione’ di Petrachi a Roma dà ragione a Cairo

L'ex ds del Toro ammette di aver lavorato per il club giallorosso quando ancora era sotto contratto col Torino: il presidente granata gongola. Il caso Nkoulou e non solo: quanti veleni

“Già a maggio trattavo Dzeko”. La ‘confessione’ di Petrachi a Roma dà ragione a Cairo© LaPresse

TORINO - Ha deciso di non farsi mancare proprio niente, Gianluca Petrachi. Nemmeno la confessione. Di aver lavorato da ds per la Roma quando ancora lo era - almeno contrattualmente - del Torino. Confessione un po’ anomala, va da sé, come anomalo è lui nella gestione dei compiti mediatici, delle urgenze dialettiche e degli affari diplomatici: cose dalle quali, non a caso, nei suoi quasi dieci anni di Toro si era sempre tenuto il più possibile alla larga, riuscendoci benissimo (o malissimo, a seconda dei punti di vista) e soprattutto volentieri. Non gli piace parlare, è a disagio sui palcoscenici, fatica - quand’è in diretta e non può tergiversare, né studiare una strategia autoprotettiva - a mettersi d’accordo con la parte verace di se stesso: quella che non sa mentire, o quantomeno non lo sa fare (a differenza di altri professionisti dell’eloquio) spacciando le bugie per verità.

Torino, il ritorno di Verdi
Guarda il video
Torino, il ritorno di Verdi

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...