Torino, Sirigu al Napoli: assalto al "Salvatoro"

Il portiere, davanti al suo estimatore De Laurentiis, vuole salvare in fretta i granata per poi decidere il futuro

Sirigu© Marco Canoniero/sync

TORINO - Tutti guardano e vogliono il Salvatore del Toro. Perché il portierone dei granata piace a tutti, proprio a tutti. Il Milan, ad esempio, pare abbia già imbastito discorsi con il suo entourage, ma anche il Napoli è tentato dalla sua grande bravura; talento abbinato ad affidabilità, serietà, professionalità. Aurelio De Laurentiis segue il portiere da tempo tempo, oltre che Belotti. È da due anni che gli sta dietro, già lo avrebbe voluto Ancelotti, ma alla fine Sirigu non se l’è sentita di lasciare e tradire il Toro. Urbano Cairo, poi, almeno in quell’occasione, non aveva avuto tentennamenti, prolungandogli il contratto. Era il 7 luglio del 2018 e il portiere firmò un nuovo rapporto con il club di via Arcivescovado, quello tuttora in vigore sino al 30 giugno del 2022. Insomma, la fine di questa più altre due stagioni è legato il sardo alla maglia granata; e la sente sua al punto che ha detto no a proposte da Champions anche nell’ultimo mercato di gennaio. Ma la domanda è d’obbligo: se la squadra continuerà a non fare il salto di qualità e la società a non investire adeguatamente per alzare l’asticella della competitività, il numero uno (in tutti i sensi) del Toro continuerà ad accettare questa situazione né carne né pesce? Questo è il dilemma che tormenta e preoccupi tifosi granata. Cairo e Bava si sono ripromessi di confrontarsi a tavolino con il portiere appena la squadra uscirà dal tunnel della paura. Lui, Belotti,Baselli e Ansaldi, infatti, sono i giocatori su cui si intende ricostruire il Toro che verrà, auspicabilmente più forte e ambizioso, meno timoroso e più coraggioso. Ma torniamo alla sfida di domani sera al San Paolo contro il Napoli. La partita, almeno considerando i recenti risultati del Toro, sembra una di quelle sulla carta proibitive, ma a questo punto della stagione il Toro deve cominciare a fare punti indipendentemente dall’avversario che si trova davanti. Un modo di fare punti sicuri è non prendere gol, cioè la specialità di Salvatore più volte ribattezzato Salvatoro. [...]

Longo: "L'obiettivo primario è il Toro, nulla davanti"
Guarda il video
Longo: "L'obiettivo primario è il Toro, nulla davanti"

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti