Torino, il discorso di Longo: “Ragazzi, sveglia! Qui non si scherza”

Il lungo, forzato stop consentirà di ritrovare la forma fisica. Ma il lavoro sarà ancor più sulle teste

© LAPRESSE

TORINO - Il Toro ha già iniziato da alcuni giorni una preparazione più tosta per recuperare la condizione fisica che, per forza di cose, è stata condizionata dai preliminari di Europa League: ritiro anticipato e ridotto, allenamenti leggeri per non imballare le gambe e poi subito in campo. Chiaro che alla distanza questa situazione penalizza. Con il passare del tempo, dopo un inizio promettente, il Toro è crollato sul piano atletico. Non solo colpa di questo ma anche di questo, visto che la formazione di Longo, prima di Mazzarri, è quella che in serie A ha corso meno di tutte. E allora il nuovo tecnico ha subito cominciato a spingere sull’acceleratore con tanta lavoro mirato a intensificare forza fisica e resistenza.

Torino alla ricerca dell'erede di Sirigu
Guarda la gallery
Torino alla ricerca dell'erede di Sirigu

 

SI RICOMINCIA - Con la nuova pausa forzata i carichi aumenteranno ulteriormente. In questa settimana il lavoro sarà come quello che di solito si svolge nei primi sette giorni di ritiro. Per poi passare ad una fase di scarico completo con la speranza che il campionato possa riprendere al più presto. Ieri Longo e i suoi collaboratori, dopo aver avuto la certezza dello stop completo al torneo, hanno tenuto un summit in cui è stato messo a punto il nuovo piano. L’obiettivo è quello di farsi trovare pronti, soprattutto tonici sotto l’aspetto fisico, per il volatone finale. Il Toro alla luce degli ultimi risultati rischia grosso, si è trovato in piena zona retrocessione a soli due punti dalla terz’ultima (il Genoa) che sta andando fortissimo e ha vinto addirittura Milano contro il Milan. Anche la Samp ha battuto il Verona e ieri il Sassuolo si è tolto dalla zona pericolosa rifilando tre schiaffi al Brescia. Insomma, non c’è da stare allegri.

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna di Tuttosport

Longo: "Nessuna paura di retrocedere"
Guarda il video
Longo: "Nessuna paura di retrocedere"

Commenti