Meitè frena: "Vuole garanzie dal Benfica". A rischio 7 milioni

Il club lusitano reagisce e guarda anche ad altre piste. E Vagnati freme. Si è discusso del trequartista Chiquinho, un pallino del ds

Meitè frena: "Vuole garanzie dal Benfica". A rischio 7 milioni© LAPRESSE

Fatta, quasi fatta, praticamente fatta. Anzi no. Innanzitutto perché, allo stato attuale delle cose, Soualiho Meité non è la prima scelta del Benfica per rinforzare il centrocampo. Certamente è uno dei nomi presenti nella lista di Manuel Rui Costa, da poco eletto nuovo presidente del club lusitano, ma non è l’unico. E al momento non c’è fretta per chiudere un colpo in mezzo al campo: il Benfica, infatti, ha appena prelevato Joao Mario dall’Inter, con tanto di diatriba a distanza con i cugini dello Sporting.

Torino, che grinta Juric! Ritmi alti e massima concentrazione
Guarda la gallery
Torino, che grinta Juric! Ritmi alti e massima concentrazione

Meitè, non è fatta con il Benfica. L'agente: "Accordo ancora lontano"

Meité è sicuramente un’opzione calda, in ogni caso. Lo dimostrano i fitti dialoghi instaurati negli ultimi giorni col Toro. Risulta, infatti, che un’intesa di massima sia stata trovata: operazione da 7 milioni di euro, con eventuale possibile inserimento del prestito di Chiquinho, trequartista 26enne riserva del Benfica da un anno pallino di Vagnati, che già in passato cercò di portarlo a Torino. Anche se, a proposito di questa contropartita tecnica da inserire nell’affare che porterebbe il francese a Lisbona, le conferme sono deboli. Insomma, fra Meité e il Benfica il discorso è stato concreto. Eppure ora le frenate non sono soltanto da parte del club, ma anche l’agente del giocatore Kamel Zaouay ci va coi piedi di piombo: "L’accordo è lontano dall’essere chiuso - ha spiegato al giornale portoghese Record -. Sul tavolo c’è un contratto quinquennale, ma ci sono questioni legate all’accordo che il Benfica ancora non può garantire. Quello che succede tra il Benfica e il Toro non riguarda il giocatore: e comunque ci sono anche altri club interessati". Zaouay, sempre sulle colonne di Record, raffredda così la pista: "E’ un onore essere desiderati da un club come il Befica, ma bisogna conoscere il progetto. Non possiamo dimenticare il momento del club, quello che è successo ai vertici e che ci saranno le elezioni, anche se ora Rui Costa è il presidente. Il Benfica è un grande club, ha una bella storia e un tempo è stato campione d’Europa. Ma Meité ha 27 anni ed è in un momento critico della sua carriera. Dobbiamo gestire bene la situazione". Con buona pace di Vagnati, che già annusava la cessione.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione di Tuttosport

Straripante il Torino di Juric: 11-0 nella prima amichevole
Guarda la gallery
Straripante il Torino di Juric: 11-0 nella prima amichevole

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...