Tutti per Belotti: il capitano tra i tifosi, silenzi ma tanti sorrisi

Il Gallo si emoziona davanti a un bambino che lo invita a rimanere. Alla lapide, declama con solennità i nomi dei 31 caduti
Tutti per Belotti: il capitano tra i tifosi, silenzi ma tanti sorrisi© ANSA

SUPERGA - È un ponte tra un passato che è già storia e un domani ancora da immaginare, il 4 maggio di Andrea Belotti. Un cammino da percorrere a testa alta e con il granata nel cuore. Perché di granata come lui e più di lui negli ultimi lustri non se ne sono visti. Quando arriva a Superga il sole domina il cielo e quasi riscalda. Il resto, alla discesa dal pullman, lo fanno i cori della sua gente, assiepata nello spiazzale per salutarlo nel migliore dei modi. Il caleidoscopio di emozioni per il Gallo comincia da lì, dal coro "Andrea Belotti eheh ohoh" che lo scorta nella salita dei gradini e lo conduce all’interno della Basilica, dove siede al centro tra i banchi destinati ai giocatori, non lontano da Cairo.

In molti avevano la sua maglietta

La predica di Don Riccardo Robella, cappellano granata, nasconde tra le righe spunti e messaggi per il futuro. Nel tragitto tra la chiesa e la lapide dove sono incisi i nomi delle vittime della sciagura aerea del 4 maggio di 73 anni fa, lo sguardo è fiero e la tensione lo accarezza soltanto. Poco lontano dalla stele, un bambino tifoso gli ha confezionato un messaggio che non ha bisogno di interpretazioni: «Andrea non andartene», con un cuore a fianco. Chi è riuscito a conquistarsi un posto d’onore dietro la Basilica ha addosso la sua maglia con il 9 sulle spalle.

Torino, il presidente Cairo commemora le vittime di Superga
Guarda la gallery
Torino, il presidente Cairo commemora le vittime di Superga

La sua voce conquista Superga

Al cospetto degli Invincibili, sotto una pioggia lenta e al fianco del compagno di squadra Buongiorno, del tecnico Juric e del presidente Cairo, il Gallo sfodera la sua grandezza. E incanta, ancora una volta, le centinaia di tifosi che pendono dalle sue labbra e dipendono dai suoi sguardi. Un cenno con Don Robella che gli sussurra "Vai", poi la sua voce conquista il cielo di Superga: i nomi dei Campioni d’Italia e delle altre vittime risuonano senza pause, in modo chiaro e continuo [...]

Cairo ancora su Belotti: «Vediamo, dai... Meglio fare che parlare»
Guarda il video
Cairo ancora su Belotti: «Vediamo, dai... Meglio fare che parlare»

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...