Toro, tutti pazzi per Bellanova. E l’Aston Villa insiste

È ritornato micidiale grazie a un lavoro atletico particolare e contro il Milan gli inglesi lo hanno seguito per la seconda volta

La musichetta della Champions League sta iniziando a risuonare sempre più forte nei confronti di Raoul Bellanova. In particolare dalla Premier League, dove da tempo hanno messo gli occhi sull’esterno del Torino e ora provano a giocare la carta della competizione europea più importante per provare a sedurlo. Il classe 2000, infatti, piace parecchio all’Aston Villa, che è alla ricerca di un laterale destro. L’ex Cagliari era già stato visionato nei mesi scorsi in un paio di occasioni degli scout della squadra allenata da Unai Emery, che ha mandato nel weekend un suo emissario in Italia per studiare un paio di possibili obiettivi da pescare in Serie A. Oltre a Bellanova (in occasione di Toro-Milan) i Villans hanno seguito da vicino pure Denzel Dumfries. Il l’asse 1996 può lasciare l’Inter, nelle prossime settimane, visto che non c’è accordo tra l’olandese e i dirigenti nerazzurri per rinnovare il contratto in scadenza nel 2025.

Entrambi i calciatori nel mirino hanno risposto presente alla grande: Bellanova è stato straripante contro i rossoneri, fornendo pure l’assist per il momentaneo 2-0 di Ilic: e in questo caso va segnalato e rimarcato il lavoro dei preparatori atletici granata che in una settimana, con un deciso lavoro di scarico, lo hanno riportato ad una condizione super, eliminando le tossine per il finale di campionato.

Toro, Bellanova e la Nazionale

Poche ore dopo a San Siro il numero 2 interista ha replicato con l’incornata che ha permesso ai Campioni d’Italia di strappare il pari contro la Lazio. E pensare che Raoul e Denzel l’anno scorso giocavano insieme proprio a Milano, dove l’italiano era la riserva dell’ex PSV. In pochi mesi le cose sono cambiate radicalmente, con Bellanova che al Toro si è imposto come uno dei migliori terzini del campionato. Un rendimento elevatissimo che non è passato affatto inosservato (pure West Ham e Manchester United l’hanno visionato dal vivo nei primi mesi del 2024), tanto da convincere Luciano Spalletti a convocarlo in Nazionale. Bellanova, infatti, dovrebbe far parte della spedizione azzurra in Germania per Euro 2024. Prima però c’è il pass per la Conference League da conquistare. Magari sfoderando un’altra prestazione da urlo al cospetto di quell’Atalanta di Gasperini, che qualche anno fa non credette in lui. Un sentimento di rivincita che può far decollare il Torino verso l’Europa. Palcoscenico che Bellanova potrebbe calcare a prescindere nella prossima stagione. I corteggiatori, infatti, non mancano.

Bellanova, i corteggiatori dalla Premier

In particolare dalla ricchissima Premier League, che adesso rappresenta il campionato più importante al mondo nonché il torneo dove tutti i calciatori ambiscono a giocare. Per strapparlo alla società granata servono però 25 milioni. Una cifra che rappresenterebbe una clamorosa plusvalenza, visto che l’estate scorsa Vagnati se l’è assicurato per soli 7 milioni dal Cagliari. Un’intuizione vincente da parte del dt, che ci aveva visto lungo. Bellanova si gode il magic moment anche fuori dal campo: domenica sera insieme ai genitori, alla sorella Giada e agli amici più cari ha festeggiato a Milano il suo compleanno. E il bello deve ancora venire, è proprio il caso di dirlo. A 24 anni Raoul è pronto per prendersi la scena anche a livello internazionale. Intanto ha ritrovato la serenità anche nel suo cuore, visto che nei giorni scorsi ha fatto pace ed è tornato insieme alla fidanzata storica Paola Di Benedetto. Insomma, tutto procede alla perfezione nel mondo di Bellanova.

Mancano solo le ultime due ciliegine da collocare sulla torta della stagione 23/24: riportare il Toro in Europa e volare in Germania con l’Italia. Due traguardi che sembrano ormai a portata di mano. Centrati quelli - c’è da scommetterci - le sirene inglesi torneranno a riecheggiare ancora più forti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Loading...