Verona, Juric sulla Superlega: "Quella roba non è calcio"

Il tecnico del Verona: "Ha detto tutto De Zerbi. Qualcuno pensava che avremmo mollato, ma i ragazzi ci sono eccome. Ci gira solo male"

Verona, Juric sulla Superlega: "Quella roba non è calcio"© Getty Images

VERONA - Ivan Juric ha parlato a Sky Sport dopo il ko casalingo del suo Verona, battuto 2-1 dalla Fiorentina, chiaramente cominciando dall'argomento di questi giorni, ossia la Superlega: “De Zerbi ha spiegato tutto bene, quella roba non è calcio. È molto di più, è sentimento profondo e non mi piaceva un campionato chiuso in quella maniera. Bisogna gestire meglio i soldi nel calcio, perchè tanto alla fine gira tutto intorno a questo, nel mondo capitalistico è così”. Comincia con la sua opinione sulla Superlega l'intervento di Ivan Juric ai microfoni di Sky dopo il ko interno con la Fiorentina. Un 2-1 subito al Bentegodi che rappresenta la sesta sconfitta nelle ultime sette gare. “Ci sono questi momenti nel campionato, io devo fare i complimenti hai ragazzi che hanno dominato concedendo poco, ma è bastato per prendere due gol - ha spiegato il tecnico del Verona -. È un momento così e bisogna accettarlo, gli errori si fanno sempre. Mi dispiace per i ragazzi ma sono soddisfatto di quanto dimostrato in campo. Magari qualcuno pensa che abbiamo mollato, ma abbiamo fatto vedere che ci siamo e per questo sono molto contento. Bisogna essere realisti, più di così non si poteva fare ma nel primo tempo ci sono stati momenti di grandissimo calcio. In alcune gare quest’anno ci è andata bene come con Udinese e Benevento in casa. Poi alla fine le cose si equivalgono, ora bisogna finire bene e i ragazzi ci sono eccome".

Verona, altro ko: colpo Fiorentina con Vlahovic e Caceres
Guarda la gallery
Verona, altro ko: colpo Fiorentina con Vlahovic e Caceres

"Ora ci sta girando male"

Ancora Juric: "Sistema di gioco diverso? Si cambia quando si gioca male, per me siamo ancora in fase di crescita e non si può cambiare adesso. Oggi abbiamo messo qualche giocatore che non giocava da tempo, ma sono i risultati a fare i giudizi, adesso ci gira male e non ero soddisfatto quando vincevamo. L’ultimo passaggio sbagliato? Su questo i giocatori possono migliorare fino ad un certo punto, l’Atalanta aveva Gomez e ora Ilicic che risolvono le gare contro le squadre chiuse… mi dispiace, volevamo fare una grande prestazione ed eravamo arrivati molto carichi. Continueremo a lavorare e i ragazzi devono vedere le cose positive fatte. Calo di attenzione? Eravamo molto concentrati sul fare risultato senza rischiare, stando bassi e provando a ‘rubare’ la partita e sfruttare le pecche degli avversari e invece abbiamo dominato anche contro le grandi. Per crescere offensivamente, però, non siamo ancora solidi come vorrei" ha chiosato.

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...