Coronavirus, Spolli: "Ripresa? Ci sono cose molto più importanti del calcio"

L'argentino del Crotone: "Momento molto difficile per tutti, la prima cosa da fare è essere responsabili. Il nostro pensiero va a dottori, infermieri e a tutti coloro che lottano per salvare vite umane"

Coronavirus, Spolli: "Ripresa? Ci sono cose molto più importanti del calcio"© LAPRESSE

CROTONE - Nicolas Spolli, difensore argentino del Crotone, ha detto la sua sull'emergenza Coronavirus ai microfoni del sito del clu rossoblù: "Si tratta di un momento molto triste per tutti, ma bisogna adattarsi e soprattutto è importante restare a casa. Noi come giocatori, ma soprattutto come persone, cerchiamo di essere da esempio per far passare il messaggio che la gente deve rimanere a casa perché ad oggi è l’unico ‘vaccino’ per sconfiggere il virus. Il nostro pensiero è per i dottori, gli infermieri e tutti coloro che ogni giorno lottano per salvare vite umane. Bisogna pensare a chi purtroppo non c’è più, alle loro famiglie, e bisogna essere responsabili in questo periodo perché penso che la responsabilità sia la prima cosa". L'ex giocatore di Catania e Genoa non si interessa per il momento alla sorte dei campionati: "Non credo che non sia questo il momento per parlare di una ripresa o di uno stop del calcio, sinceramente ci sono altre cose molto più importanti a cui pensare”.

Sturaro si diverte con il golf in casa
Guarda il video
Sturaro si diverte con il golf in casa

Spolli parla poi della stituazione nel suo paese: “In Argentina è arrivato il virus ma per fortuna ancora non ci sono tanti casi, il nostro Presidente ne ha capito subito la pericolosità e ora tutto il Paese è in quarantena. Sento quotidianamente i miei cari e, essendo arrivato per prima in Italia il virus, ho ‘istruito’ loro sulle regole da rispettare”. L'assenza quotidiana del campo si fa sentire: “Ovviamente lo spogliatoio manca tantissimo ma con i compagni siamo in contatto con il gruppo di WhatsApp e FaceTime, cerchiamo di stare in compagnia utilizzando la tecnologia”. Spolli si congeda confidando quale sia stato l'attaccante più difficile da marcare: “In carriera ho incontrato tanti giocatori difficili da marcare come Higuain, Ibrahimovic, Eto’o però se proprio devo sceglierne uno che mi metteva sempre in difficoltà dico Totò Di Natale, penso sia stato quello con cui ho fatto più fatica”.

Bonucci a casa si allena duramente
Guarda il video
Bonucci a casa si allena duramente

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...