Tuttosport.com

D'Amico sulla salvezza del Verona:
© Claudio Zamagni
0

D'Amico sulla salvezza del Verona: "Mai semplice risalire, ma le ambizioni erano alte"

Il ds: "C'erano scorie, è servito tempo per eliminarle. Aglietti? Ha fatto tanto a livello mentale"

lunedì 3 giugno 2019

VERONA - Dpo aver esultato ieri per la grande rimonta contro il Cittadella, il direttore sportivo del Verona Tony D'Amico ha commentato a Sky Sport il pronto ritorno in A dei gialloblu dopo solo un anno in serie B: "Quando si arriva da una retrocessione non è mai semplice risalire, ma le ambizioni erano alte dopo gli investimenti del presidente. Siamo partiti con una squadra completamente nuova e sapevamo che avremmo avuto bisogno di tempo, ma tanti episodi non ci hanno aiutato. Le scorie della retrocessione c'erano ed è stato necessario molto tempo". Da sottolineare il contibuto apportato da Alfredo Aglietti: "L'aspetto mentale è la componente più importante, il mister è arrivato a due giornate dalla fine e l'aspetto psicologico è quello in cui è intervenuto in modo più pesante".

L'arma segreta del Verona è stato Di Carmine, in ombra per tutta la stagione salvo tornare alla ribalta a suon di gol in primavera: "Samu nella parte finale ha dato una grande mano, all'inizio ha saltato parte del ritiro e questo ha inciso sul rendimento iniziale. Tutti i membri della rosa però hanno dato una grossa mano". Il principale indiziato alla panchina dei gialloblu è Ivan Juric: "Per oggi godiamoci la festa, se lo merita la città, mister Aglietti e se lo merita il presidente Setti. La nostra è una società forte, che merita rispetto e che commette errori, ma che porta a casa i risultati. Ci prendiamo qualche giorno di riflessione e poi faremo le nostre valutazioni per scegliere la strada giusta per il Verona".

Serie B Verona Aglietti damico Cittadella

Commenti