Tuttosport.com

Juve: tre colpi top in arrivo per Sarri. Toro: la scelta di Sirigu e il futuro di Lyanco
© Marco Canoniero
0

Juve: tre colpi top in arrivo per Sarri. Toro: la scelta di Sirigu e il futuro di Lyanco

sabato 15 giugno 2019

Juve: tre colpi top in arrivo per Sarri
Antonino Milone
TORINO - Sono ore intensissime per la Juventus, impegnata sul doppio fronte allenatore-rafforzamento della squadra. Se da un lato per Maurizio Sarri si attende solamente l'annuncio, con tanto di presentazione programmata in settimana, dall'altro lato il mercato giocatori è già entrato nel vivo. Su Tuttosport oggi in edicola vi sveliamo la strategia adottata dal club bianconero per puntare direttamente ai colpi grossi, con Pavel Nedved in primissima fila. Il vicepresidente juventino s'è mosso di persona con l'amico (ed ex agente) Mino Raiola per provare a sbloccare sia Matthijs de Ligt sia Paul Pogba. E attenzione a Nicolò Zaniolo, che la Roma vuole trattenere per un'altra stagione, ma con la Juventus convinta di fare breccia: ecco le tre offerte sottoposte ai giallorossi.

Toro: la scelta di Sirigu e il futuro di Lyanco
Andrea Pavan
TORINO - Su Tuttosport in edicola: le parole di Sirigu che vola in vacanza svelano la scelta del portiere di rimanere in granata e le ambizioni europee della società per il futuro. Lyanco fa vincere al Brasile Under 20 il Torneo di Tolone mentre il Toro respinge il nuovo assalto del Bologna per il forte difensore centrale. Mercato, le ultime notizie.

Atalanta: Colley e compagni già pronti per la serie A
Giordano Signorelli
BERGAMO - Viaggio tra i giovani fenomeni dell’Atalanta dopo il trionfo-scudetto nel campionato Primavera. Da Colley, che ha firmato il gol decisivo nella finale con l’Inter, a Kulusevski e Piccoli, senza dimenticare Carnesecchi, Delirato e Colpani, i tre grandi assenti delle finali di Parma, giacché impegnati con l’Unger 20 di Nicolato ai Mondiali di categoria.

Stramaccioni: «La nuova sfida è vincere in Iran»
Stefano Pasquino
Intervista ad Andrea Stramaccioni, che ha firmato un biennale con l’Esteghlal, la “Juve di Persia”. L’obiettivo è riportarla al titolo che manca da sei anni al club di Teheran. L’ex allenatore dell’Inter ci racconta i motivi che l’hanno convinto ad accettare la sfida, tra essi c’è Julio Velasco, ma nella lunga chaicchierata con Tuttosport parla anche di calcio italiano: da Sarri in bianconero al sogno nerazzurro Lukaku, dall’addio di Totti a Conte «che darà del filo da torcere alla Juve».

Tennis: L’erba di Berrettini è sempre più verde
Daniele Azzolini
Matteo Berrettini ha spazzato via anche il tedesco Jan-Lenard Struff e al suo secondo torneo sull’erba, l’afp Tour 250 di Stoccarda, è già in finale. Oggi (diretta tv Supertennis) trova il talentuoso next gen canadese Felix Auger-Aliassime, diciottenne favorito dalla rinuncia del connazionale Raonic. Tre finali per entrambi in stagione e anche per Felix è la prima sull’erba, addirittura al debutto sulla superficie. Il ventitreenne romano continua la scalata in classifica: con la finale lunedì sarà n. 24 (a inizio settimana era 30, suo record), se vincesse balzerebbe al 22. Colpisce la naturalezza e, e come dice il suo allenatore Vincenzo Santopadre: «La leggerezza unita all’umiltà di chi sa di dover e voler imparare>, con cui gioca sui prati. Divertendo e divertendosi».

MotoGP a Barcellona: Quartararo può riportare la Yamaha in Paradiso
Giorgio Pasini
TORINO - La rinascita della Yamaha, quindi anche di Valentino Rossi, ma anche l’esplosione diabolica della nuova stella Fabio Quartararo? Lo scopriremo fra poche ore, quando a Barcellona scatterà il GP di Catalanya, 7ª tappa di un Motomondiale per ora targato Marc Marquez e Honda, con Andrea Dovizioso e la Ducati a inseguire. Di sicuro vedere le quattro M1, uscite a pezzi dal Mugello, nelle prime cinque posizioni delle qualifiche (anche se Maverick Viñales è stato retrocesso dalla terza alla sesta casella per aver ostacolato proprio Quartararo) è una sorpresa, sebbene lo stesso Valentino metta le mani avanti ricordando che la Yamaha è sempre andata forte in prova, ma non in gara. Vedremo. E capiremo se Quartararo, il ventenne rookie alla seconda pole e con di fronte la possibilità di battere il record di precocità di Marquez come vincente in MotoGP, è davvero il nuovo crac delle due ruote. Ma su Tuttosport di oggi potete scoprire anche tutti i retroscena della lite sempre più accesa tra Marquez e Lorenzo alla Honda, esplosa anche in pista con Marc a mandare a quel paese il compagno di squadra e poi chiedendone apertamente la penalizzazione. Crepe e nervosismi nei quali può mettere il dito nella piaga Dovizioso.

Commenti