Tuttosport.com

Pogba, Rabiot, Zaniolo: così la Juve si rinnova. Milan fuori e Toro in Europa: ci siamo
© www.imagephotoagency.it
0

Pogba, Rabiot, Zaniolo: così la Juve si rinnova. Milan fuori e Toro in Europa: ci siamo

martedì 18 giugno 2019

Pogba, Rabiot, Zaniolo. Così la Juve si rinnova
Antonino Milone

Non è una priorità, ma rischia di diventarlo. La Juventus non ha mai mollato il giovane Adrien Rabiot, fuori rosa nel Psg da dicembre, eppure a centrocampo il grande sogno del club bianconero è sempre stato il ritorno di Paul Pogba. E mentre l'appeal dei campioni d'Italia continua a tentare il Polpo che vuole lasciare il Manchester United, è su Rabiot che Fabio Paratici può arrivare per primo. Decisivo sarebbe stato un incontro tra il ds juventino e madame Véronique, la madre-agente del giocatore che sbarcherebbe a Torino gratis (è in scadenza con il Psg). Su Tuttosport oggi in edicola tutti i dettagli sul modo in cui la mediana bianconera sarà rinnovata, anche con Zaniolo. E vi spieghiamo quali sono le armi che la Juve vanta nella corsa a Pogba: armi più affilate e taglienti di quelle del Real Madrid.

Milan fuori e Toro in Europa: ci siamo
Andrea Pavan
L'esclusione del Milan dall'Europa League, per violazione del fair play finanziario, da possibile è diventata probabile, come Tuttosport sostiene dalla fine del campionato: già oggi, in occasione dei sorteggi per il 2° turno preliminare della competizione, l'Uefa potrebbe annunciare un provvedimento con la Commissione Giudicante. Il Torino, che subentrerebbe in caso di estromissione dei rossoneri, attende con serenità ma crescente fiducia, pronto a cambiare in corsa i programmi dell'estate di lavoro per i giocatori di Mazzarri: un premio che sarebbe legittimo e meritato. Mercato: oggi appuntamento con la Spal per discutere del riscatto (e del probabile controriscatto) di Bonifazi; il difensore può diventare una delle pedine-chiave del mercato granata. Intanto una voce: per la fascia sinistra di Mazzarri ci sarebbe anche il sampdoriano Murru. Walter Sabatini, nuovo dirigente del Bologna, ammette: «Sto cercando di convincere Cairo a lasciarmi Lyanco, ma per il presidente del Toro il brasiliano è incedibile».

Inter, contropiede Sensi sul Milan
Stefano Pasquino
Il club nerazzurro si è inserito nella trattativa tra Milan e Sassuolo per il centrocampista. Ieri il procuratore del ragazzo a Casa Milan (dove si sono visti pure gli agenti di Diawara) ha informato Maldini e Boban della novità. E oggi Ausilio incontrerà Carnevali a Cesena: il derby è apertissimo.

Blitz di Ausilio per Sessegnon
Il direttore sportivo dell’Inter ha assistito al match di Under 21 tra Francia e Inghilterra con l’obiettivo di prendere contatti per Sessegnon che non rinnoverà il contratto in scadenza nel 2020 con il Fulham. Può essere un serio candidato per la successione di Perisic anche se sull’inglese in pole c’è il Tottenham. L’alleanza con il Genoa può portare all’acquisto da parte dei rossoblù di De La Vega. Per Lazaro infine si tratta a oltranza.

Il ritorno di Torino capitale (dell’auto)
Ottavio Daviddi
Torino al centro del mondo. Quello dell’auto, almeno. Questa mattina si apre la quinta edizione del Salone del Valentino, rassegna all’aperto (e gratuita) che allinea ben 54 marchi. Ma quel che più piace (soprattutto al pubblico) è il fitto calendario di eventi e manifestazioni, dalle parate di stasera al GP (di regolarità) che si correrà domenica. Auto del presente, modelli del futuro (un esemplare a guida autonoma taglierà simbolicamente il nastro stamattina), modelli del passato. Design, premi, dibattiti, riflessioni. Un po’ si respira l’atmosfera di Goodwood, un po’ quella di Pebble Beach. Cinque giorni tutti da godere, sia al Valentino sia per le vie della città, che diventa tutta intera palcoscenico della kermesse.

Un’avventura di 1.138 km in parapendio e a piedi
Diego De Ponti
La Red Bull X-Alps è ripartita più dura che mai. Nuovo il tracciato di 1.138 chilometri da Salisburgo a Montecarlo passando da alcuni dei luoghi più iconici dell'arco alpino come Plan de Corones, il Monte Bianco, l'Eiger in Svizzera. Impegnati 32 atleti provenienti da 20 nazioni. Tra questi l'italiano Aaron Durogati che è alla sua quarta partecipazione e dopo le prime giornate è terzo alle spalle dello svizzero Christina Maurer e il francese Maxime Pinot. «Per me è una gioia fantastica essere qui. Due anni fa mi avevano detto che non avrei potuto più partecipare viste le condizioni del mio ginocchio destro. Quest'anno c'è tanta neve. Io devo sfruttare al massimo le fasi di volo».

Commenti